Autore: Matteo Carena

Ho vent'anni, studio psicologia e strimpello la chitarra. Tra una puntata di South Park e l'ennesimo replay di In Rainbows mi metto a scrivere articoli e storie.

FSK TRAPSHIT è stato senza dubbio uno dei dischi protagonisti dell’annata scorsa. Un manifesto senza censura, sfacciato e sporco di lean che ha portato nelle cuffiette degli ascoltatori la peculiare visione della musica trap dell’FSK. Il trio lucano si è fatto strada a banger quali LA PROVA DEL CUOCO e NO SNITCH, prima di sfondare il portone del mainstream grazie ad ANSIA NO, conclamatissima hit da club presente nell’edizione deluxe dell’album d’esordio.
Dopo aver rilasciato il singolo SETTIMANA AL CALDO, il gruppo è tornato in pista con un nuovo progetto. Saranno riusciti a sorprendere di nuovo?

Continua a leggere

Il doppio. Una figura mitica del tutto identica ad un’altra persona che, spesso, ne incarna il lato oscuro. Un tema ampiamente esplorato nella letteratura – come nel cinema – lungo l’intera storia dell’umanità. Pensiamo all’Anfitrione di Plauto, una delle più classiche commedie degli equivoci, o alla triste vicenda del narcisista Dorian Grey, per non parlare del confuso rapporto tra il protagonista senza nome e Tyler Durden in Fight Club.

Continua a leggere

La scorsa settimana, dopo mesi di magra, abbiamo finalmente assaporato un venerdì zeppo di nuove uscite, con musica per tutti i gusti e proveniente da ogni dove. Il progetto più interessante arriva dalla remota Scandinavia, più precisamente dalla Svezia. L’autore è uno dei talenti più cristallini della scena rap dell’ultimo decennio: Yung Lean.

Continua a leggere

Per il nuovo episodio della nostra rubrica sui migliori lavori degli artisti del panorama hip-hop, ci siamo fermati a riflettere sulla carriera di uno dei rapper più di successo degli ultimi anni, ultimamente sulla bocca di tutti dopo un incredibile concerto virtuale su Fortnite. Sì, stiamo parlando di Jacques Webster, alias Travis Scott. La carriera di Scott, ovviamente meno longeva dei due colossi americani che abbiamo trattato nelle precedenti puntante, conta esattamente cinque progetti. Li abbiamo classificati, e questo è il risultato.

Continua a leggere

In un periodo musicale come quello attuale dove le uscite musicali sono per forza di cose centellinate, la scelta di molti è quella di aprire un servizio streaming e ripassare i propri ascolti: c’è chi torna ad affrontare quel disco lasciato in soffitta da qualche anno, chi riascolta i soliti dieci album con i quali è cresciuto e chi prova a rivalutare lavori cestinati troppo in fretta nell’ormai nota grande bulimia del mercato musicale.
La nostra redazione in questa calma piatta ha optato invece per riprendere i fili cardini del genere e, in quel tipico clima di dibattito dei barber shops di New York, discutere su un’ipotetica graduatoria degli artisti più iconici del genere.

La scorsa settimana, oltre alle opere di Kanye West, abbiamo presa in esamina quelle del King del Rap italiano, Marracash. Un rapper, tempo fa, citò l’iconico titolo del Principe di Barona in un suo pezzo: “Se Marra è il King del Rap, io sono il King dell’Hardcore”. Sì, stiamo ovviamente parlando Salmo. E quest’oggi è lui il protagonista della nostra classifica.

Continua a leggere

Seguici