• La scrittura onirica di Goya ha partorito uno dei migliori progetti del 2019

    La scrittura onirica di Goya ha partorito uno dei migliori progetti del 2019

    Ghost è il primo progetto solista di Goya aka Tommy Toxxic, membro del Wing Klan, duo romano formato da lui e Joe Scacchi. Completamente senza featuring, 18 tracce della durata complessiva di un’ora e sette minuti: per chiunque altro sarebbe stato un vero e proprio suicidio eppure il disco scorre benissimo. E il segreto è nella scrittura.

    Leggi tutto...

  • RIVELATA LA DATA DI USCITA DEL MACHETE MIXTAPE IV

    RIVELATA LA DATA DI USCITA DEL MACHETE MIXTAPE IV

    Stamattina nelle storie di Samo e di un vasto numero di associati Machete quali Dj Slait e MOAB è comparsa l’immagine di un misterioso QR Code proiettato sulle maxi affissioni della Stazione di Milano Centrale.

    Siamo corsi sul posto e siamo nella posizione di confermare i rumors che nei giorni precedenti hanno riscaldato l’atmosfera del rap italiano: è ufficiale: a distanza di cinque anni dal suo predecessore il MACHETE MIXTAPE IV sta per divenire realtà, e anche ben prima di quanto potesse sospettarsi.

    Il sospirato sequel uscirà sui digital store il prossimo 5 luglio, e seguendo questo link:

    https://forms.sonymusicfans.com/campaign/machete-mixtape-iv/

    è  già possibile presalvare l’album e ritrovarlo tra le tue playlist Spotify.

    Leggi tutto...

  • Cos’hanno in comune Game of Thrones e la Dark Polo Gang?

    Cos’hanno in comune Game of Thrones e la Dark Polo Gang?

    Da icone di rottura dell’immaginario pop, la Dark Polo Gang e Game of Thrones hanno subito un costante declino, andando incontro a un destino deludente Come è potuto succedere questo?

    Leggi tutto...

  • Tyga: la fenice che torna solo d’estate

    Tyga: la fenice che torna solo d’estate

    Dopo una lunga serie di singoli che hanno scalato le classifiche americane e mondiali, il 7 giugno Tyga pubblica il suo nuovo album Legendary.

    Leggi tutto...

  • Home
  • 12 anni fa, Anima e Ghiaccio dei Colle Der Fomento

12 anni fa, Anima e Ghiaccio dei Colle Der Fomento

Dodici anni nel rap, specie quello italiano, sono praticamente gli anni necessari per un cambio generazionale. Più di una decade fa usciva un disco storico come Anima e Ghiaccio, la domanda è: sarà invecchiato bene?

Dodici anni nel rap game, specie quello italiani, sono un’enormità, sono gli anni necessari a permettere ad un genere come il rap di esplodere ed impadronirsi, anno dopo anno, dell’industria musicale che tanto lo ha denigrato e deriso. La storia della nostra musica in questo paese è una storia di rivalsa ed oggi tutti ne godono ma cosa succedeva nella scena dodici anni fa, nell’ormai lontano 2007?

Fabri Fibra e Mondo Marcio avevo aperto le porte del paradiso al rap italiano, i Dogo seguivano la scia lasciata da i due apripista, Marracash muoveva i suoi primi passi nell’industria preparando quello che poi sarà il suo memorabile disco d’esordio, Emis Killa vinceva il prestigioso torneo di freestyle Tecniche perfette e i Cor Veleno aveva firmato per Sony pubblicando poco prima Nuovo Nuovo. Lo stesso anno dell’uscita di kARMA, pietra miliare del genere che annuncerà il ritorno del Don Kaos One, i Colle Der Fomento facevano uscire il loro nuovo disco, destinato a fare la storia dell’underground italiano, Anima e Ghiaccio.

La verità è che riascoltare un caposaldo di questa musica in Italia come lo è questo porta a confrontarsi con una cruda realtà: la musica fatta bene non invecchia. Il tanto discusso boom-bap, il sempre più raro hardcore non invecchia. Anima e Ghiaccio è un’immortale prova di stile e Hip Hop made in Italy, capace di tenere banco anche a più di una decade di distanza dalla sua pubblicazione e non suona vecchio, suona solo rap.

I Colle Der Fomento trascinano l’ascoltatore nei loro discorsi, nei loro pensieri con quella stessa attitudine che ha fatto, continua a fare e farà ancora scuola con i suoi beat duri, cupi, le rime taglienti e i ritornelli rappati. Anima e Ghiaccio è un inno al rap, all’Hip Hop, non è una dichiarazione di guerra contro chi fa musica diversa dalla loro ma una presa di posizione all’interno della scena, una trincea scritta sul classico suono originale che ci piace.

 

 “per me puoi fare il cazzo che ti pare, rap hardcore, punk-rock o club shit commerciale,                                                        io resto uguale per il  poco che rimane, se l’Hip Hop è morto rapperò al suo funerale”

 

Trainato da Hit Hip Hop immortali come Ghetto Chic e La fenice, Anima e Ghiaccio è indubbiamente il capolavoro del collettivo romano, il fiore all’occhiello di uno dei gruppi Hip Hop più forti che questa nazione ci abbia mai regalato e a dodici anni di distanza suona ancora più forte delle bombe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici