• Home
  • Blueface è la Next Big Thing della California

Blueface è la Next Big Thing della California

In America, ogni giorno escono nuovi rapper. Teenager, probabilmente con tatuaggi in faccia e immischiati nella vita di strada, presentano la maggior parte delle volte le stesse caratteristiche. Tra le migliaia ormai presenti (grazie alla proliferazione dovuta a piattaforme come SoundCloud), però, ogni tanto qualcuno si eleva al di sopra degli altri. E’ come se, per un motivo o per l’altro, venissero scelti da Internet come i prossimi a dover sfondare. Questa volta sembrerebbe proprio essere il turno di Blueface.

Risultati immagini per blueface rapper

Classe ’97 e originario di Los Angeles, Blueface è salito alla ribalta con i singoli “Deadlocs” (9 milioni di views su Youtube), “Thotiana” (6,8 mln) “Respect My Crypn” (16 mln) e “Bleed it” (20 mln). Con un suono puramente “street”, si è fatto notare soprattutto per il suo particolare flow: sembra che provi ad arrivare alla fine della frase il più velocemente possibile fregandosene del beat. Questo modo di stare sul beat piuttosto anticonvenzionale è diventato quindi il suo punto di maggior riconoscimento, piuttosto che un difetto.

Avere la benedizione dei “pezzi grossi” della scena è fondamentale per un rapper emergente ed è proprio questo che potrebbe portarli al successo. Il rapper californiano ha già ricevuto molti apprezzamenti da alcuni degli artisti più influenti del momento. Un esempio è stata la diretta di Lil Pump durante la quale quest’ultimo diceva di voler contribuire al remix del brano “Deadlocs”.

Un altro punto punto a favore di Blueface è sicuramente il props fatto recentemente da Kendrick Lamar nei suoi confronti, il quale dimostra di apprezzarne lo stile e l’originalità.

Ma la ciliegina sulla torta è stato lo scambio di messaggi con Drake.

Quest’ultimo, dopo i complimenti per i brani “Deadlocs” e “Next big thing”, gli ha proposto di fare un pezzo insieme con un beat che “slaps so hard”. Drake è stato l’artista più ascoltato al mondo nel 2018, di conseguenza la sua influenza è a dir poco enorme. La sua collaborazione potrebbe quindi dare una svolta definitiva alla carriera di Blueface, che potrebbe davvero diventare la “next big thing” del rap americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici