• Che io mi aiuti: Bresh ha retto da solo il peso dell’oceano

    Che io mi aiuti: Bresh ha retto da solo il peso dell’oceano

    La Liguria, da qualche anno, è diventata una regione che ha saputo imporsi con grande vigore al centro della scena rap nostrana. Dall’estremo occidente dell’Italia una giovanissima generazione ha saputo rompere l’egemonia che da due decenni dominava il genere nella penisola, dominio presidiato da Milano, Roma, Napoli, Torino e Bologna. Queste città hanno da sempre funto da centri di formazione e catalizzatori per i rapper di ogni dove, come grandi dojo separati in cui affinare le proprie abilità.

    Genova, dal canto suo, ha sempre fornito al nostro paese la più grande scuola di cantautorato e forse l’impronta musicale più riconoscibile dello stivale, dentro e fuori i confini nazionali.

    Leggi tutto...

  • MULA EP: l’amore che dura poco

    MULA EP: l’amore che dura poco

    Il 2018 fu un anno di ricerca per Giaime: l’obiettivo era trovare una formula giusta per riuscire a sfondare le porte del mainstream italiano. I successi di TIMIDO e FINCHÈ FA GIORNO e il parziale flop delle due prove di GIMMI ANDRYX 2018 furono una chiara risposta ai dubbi dell’artista: il pubblico preferiva ascoltare il lato più romantico del rapper milanese.
    L’anno successivo è stato quello della conferma: FIORI e MI AMI O NO, certificate disco d’oro, contano ad ora più di venti milioni di streaming su Spotify.
    Arriviamo quindi a MULA, un EP di cinque tracce che rappresenta il culmine del percorso intrapreso due anni prima.

    Leggi tutto...

  • Discovery Album: 2014 Forest Hills Drive

    Discovery Album: 2014 Forest Hills Drive

    Il 9 dicembre 2014 Jermaine Lamarr Cole, in arte J.Cole, pubblica per Dreamville Records e Roc Nations il terzo album in studio: 2014 Forest Hills Drive. Cosa rende fino ad oggi questo disco un must listen per gli amanti del rap?

    Leggi tutto...

  • Pop Smoke è la next big thing?

    Pop Smoke è la next big thing?

    Il 7 febbraio Pop Smoke ha rilasciato il suo secondo mixtape, Meet the Woo 2, seguito del fortunato primo capitolo pubblicato nel luglio scorso. Ma facciamo un passo indietro: chi è Pop Smoke, presente anche nella prima parte di Jackboys?

    Leggi tutto...

  • Home
  • Cosa dobbiamo aspettarci dal primo album di Bresh?

Cosa dobbiamo aspettarci dal primo album di Bresh?

Andrea Brasi, in arte Bresh, è un giovane rapper genovese che negli ultimi tempi si è fatto spazio nella scena italiana e che ha rilasciato diversi lavori, dandoci un assaggio di quello che sarà il suo primo vero album ufficiale.

Bresh si avvicina al rap all’età di quattordici anni grazie a Fabri Fibra, un punto di riferimento per molti artisti della sua generazione; da lì a poco inizia a frequentare lo Studio Ostile, in cui comincia a registrare i primi pezzi e conosce molti suoi compagni che, ad oggi, sono affermati nella scena genovese e italiana in generale, tra i quali Izi e Tedua. E’ forse grazie anche a quest’incontro che parte della scena genovese si unisce fondando un nuovo collettivo, il Drilliguria – formato da Vaz tèNader, Ill Rave, Tedua, Disme e Bresh.

L’artista ha dichiarato di aver iniziato a fare musica per necessità: sentiva il bisogno di raccontarsi e di smascherarsi, cavalcando l’onda della ribellione che, soprattutto in quegli anni, sentiva crescere dentro di sè.

Inizia il suo viaggio con la pubblicazione di Cosa vogliamo mixtape, al quale si sono susseguiti negli anni diversi singoli, tra cui annoveriamo sicuramente uno dei suoi lavori più belli e più di successo, Ande, in collaborazione con Tedua, dove Bresh si fa notare ancora di più per i suoi testi e la sua versatilità.

A questo si aggiungono Il Bar Dei Miei, in cui parla della sua famiglia e di quello che è stato il  loro vissuto fino a quel momento, un testo intimo e introspettivo e una grande voglia di mettere a nudo la propria persona, una volontà che torna prepotentemente in Astronauti, dove da’ sfogo ai suoi pensieri con un brano dinamico e con un profondo senso di rivalsa.

 

Nel 2018 ci regala altri singoli che rispecchiano molto la sua personalità artistica, la quale traspare nell’attenzione della scelta dei suoni oltre che dai testi: parliamo dell’introspezione profonda di Lontano Rmx e dell’estrosità travolgente di Snake e Pepepe.

Il 2019 è l’anno in cui Bresh inizia a mandare i primi segnali di un nuovo progetto da solista molto importante, se pensiamo a tutto il suo percorso e all’evoluzione artistica. E’ proprio in estate che pubblica No Problem, il primo singolo che anticipa il primo disco ufficiale e restituisce molto bene, anche attraverso il video, l’idea del viaggio. Ad ottobre esce Oblò, in collaborazione con Rkomi,  una coppia ben assortita e uno dei singoli più completi e meglio riusciti di Bresh.  Questo secondo singolo è una fotografia della sua vita: in un’intervista racconta di aver vissuto insieme a Rkomi a Milano, in una stanza anche con Tedua e Sonny Willa e di essersi ispirato per la scrittura a tali esperienze.

Arriviamo all’ ultimo singolo, Team, in collaborazione con l’amico storico Vaz Tè, una traccia che come lui stesso ha raccontato sui social, descrive la realtà delle loro giornate fatte di piccole cose ma piene di significato perché vissute con i suoi amici più stretti, uniti insieme come fossero una seconda famiglia.

 

In questi giorni l’artista genovese sta svelando le prime informazioni sull’album: si chiamerà Che io Mi Aiuti ed uscirà il prossimo 14 febbraio; vi sono stati anche spoiler di alcune tracce, oltre i singoli usciti, tra le quali Skit e Girano in collaborazione con Izi e una produzione a carico di Garelli e Chris Nolan.

Bresh è un artista completamente diverso dagli altri rapper esorditi negli ultimi anni, sia per i testi che per scelta di suoni: non troviamo ostentazione né autocelebrazione, ma solo storie ed esperienze di vita, la sua Genova, la sua famiglia ed il suo percorso. Chi ha seguito assiduamente la sua gavetta aspettava da tempo un progetto importante, uno di quei lavori destinati a segnare la carriera di un artista, a dare un’identità solida alla sua presenza nel Rap Game italiano, e siamo convinti che riuscirà a sorprendere e che sarà in qualche modo il suo biglietto da visita, che lo presenterà ufficialmente alla scena.

Tag: , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici