• WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    Il 29 novembre è uscito WWCD, il primo joint album della crew Griselda, composta da Westside Gunn, Conway the Machine e Benny the Butcher. L’acronimo del titolo significa “What Would ChineGun Do”, una barra che ritorna nelle tracce del disco come nella strofa di Westside in Scotties e nell’outro di May Store realizzato dalla storica collaboratrice Keisha Plum. Per i tre rapper di Buffalo si tratta del coronamento di un percorso che li ha portati in tre anni a firmare per la Shady Records di Eminem ed a collaborare con leggende della scena rap statunitense – da Ghostface Killah a Pusha T.

    Leggi tutto...

  • Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio è il primo disco dei due membri meno sotto i riflettori della Lovegang: Ugo Borghetti ed Asp126. Il concept, però, non si basa solo su birre ed amari sorseggiati nei bar di Trastevere, anzi, si presenta molto più profondo di quanto si possa pensare.

    Leggi tutto...

  • Rooftop: sul tetto della Francia con SCH

    Rooftop: sul tetto della Francia con SCH

    Tecnica. Energia. Introspezione. SCH torna sulla scena con il suo quarto album in studio, quinto in totale, uscito il 29 Novembre 2019. Rooftop si compone di 17 tracce, alle quali vanno aggiunte altre 3 per la versione fisica.

    Leggi tutto...

  • Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo album di Capo Plaza?

    Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo album di Capo Plaza?

    Al dispetto del pensiero comune, Capo Plaza è nel gioco da più tempo di quanto si possa immaginare. Quindi cosa dovremmo aspettarci dal suo prossimo album?

    Leggi tutto...

  • Home
  • No, il rap non è ritmo e poesia

No, il rap non è ritmo e poesia

Durante la seconda puntata delle audizioni di X-Factor, Sfera Ebbasta è caduto nel tranello nel quale sono inciampati molti prima di lui, ossia definire il rap come “ritmo e poesia”.

Andando con ordine, nella puntata trasmessa su SkyUno giovedì 19 settembre si son presentati due ragazzi, i TNL, che hanno presentato come brano una cover di Bella di Ernia. Al termine dell’esibizione si è scatenato l’ormai solito dibattito al tavolo dei giudici sulla difficoltà di giudicare chi porta brani di altri rapper perché troppo personali. Sfera si è fatto promotore di questa tesi mentre Malika Ayane difendeva la possibilità di reinterpretare anche una canzone rap. Nella difesa dalla sua posizione, il rapper di Cinisello Balsamo ha sollevato anche l’argomento, erroneo, del rap come ritmo e poesia.

Il rap NON è ritmo e poesia, e la parola rap non è l’acronimo di “rythm and poetry” come molti sostengono. Cerchiamo di fare chiarezza. Innanzitutto, in inglese esiste il verbo “to rap” da ben prima che la comunità nera newyorkese iniziasse a sputare rime improvvisate su delle basi musicali. Il verbo è traducibile in italiano con “colpire/bussare” e dato che vi sono testimonianze del termine in testi di Edgar Allan Poe risulta un po’ complicato che il termine sia un acronimo.

Ma, mettendo da parte i discorsi etimologici, qualcuno potrebbe comunque sostenere che “rap” inteso come tecnica canora venga dal binomio ritmo-poesia. Per confutare questa teoria, ci appelliamo alla storia. I primi rapper veri e propri appaiono nel finire degli Anni Settanta nel Bronx newyorkese. Ai tempi, il rap era una pura forma di intrattenimento. La comunità nera si riuniva in degli scantinati in cui un DJ metteva una base musicale e qualcuno improvvisava rime sulla base. Immortal Technique ha paragonato queste jam ai canti nelle piantagioni degli schiavi, un parallelo abbastanza calzante che mette in evidenza la totale assenza di intenti poetici nei primi rapper. La prima traccia a cui si potrebbe affibbiare questa ambizione è The Message di Grandmaster Flash che comunque è successiva di qualche anno (essendo pubblicata nel 1982) rispetto alla nascita del genere hip-hop. Inoltre, va anche detto che la Sugar Hill, etichetta di produzione della canzone, non era vista molto positivamente dalle jam perché, fra altre cose, accusata di copiare le rime improvvisate in esse.

E allora come nasce questo equivoco? Volendo abbiamo anche una data, il 26 agosto 1988. In quel giorno viene rilasciato Follow the Leader di Rakim & Eric B. e, nella titletrack, il rapper di Long Island afferma testualmente “rap is rythm and poetry”. Anche ammettendo che quella del newyorkese sia una definizione generale, ciò non trasformerebbe certo il significato del termine. Inoltre, è probabilmente più corretto interpretare la barra di Rakim come un’autocelebrazione delle proprie capacità, cioè che il suo rap è ritmo e poesia. Infine, creare acronimi alle parole era una tecnica abbastanza in voga nell’hip hop di quel periodo.

Quindi, lungi dal voler entrare nel dibattito sull’opportunità di portare cover rap a un talent, si può concludere che persino il buon Sfera è caduto in quel tranello in cui molti ascoltatori ed addetti ai lavori cadono da quel giorno estivo del 1988. No, il rap non è ritmo e poesia. E i rapper non sono poeti, ma di questo abbiamo già parlato.

Tag: , , , , , ,


Matteo Merletti

Sono Matteo, ho 23 anni. Se non vi piace ciò che scrivo offritemi un gin tonic e ne parliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici