• WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    Il 29 novembre è uscito WWCD, il primo joint album della crew Griselda, composta da Westside Gunn, Conway the Machine e Benny the Butcher. L’acronimo del titolo significa “What Would ChineGun Do”, una barra che ritorna nelle tracce del disco come nella strofa di Westside in Scotties e nell’outro di May Store realizzato dalla storica collaboratrice Keisha Plum. Per i tre rapper di Buffalo si tratta del coronamento di un percorso che li ha portati in tre anni a firmare per la Shady Records di Eminem ed a collaborare con leggende della scena rap statunitense – da Ghostface Killah a Pusha T.

    Leggi tutto...

  • Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio è il primo disco dei due membri meno sotto i riflettori della Lovegang: Ugo Borghetti ed Asp126. Il concept, però, non si basa solo su birre ed amari sorseggiati nei bar di Trastevere, anzi, si presenta molto più profondo di quanto si possa pensare.

    Leggi tutto...

  • Rooftop: sul tetto della Francia con SCH

    Rooftop: sul tetto della Francia con SCH

    Tecnica. Energia. Introspezione. SCH torna sulla scena con il suo quarto album in studio, quinto in totale, uscito il 29 Novembre 2019. Rooftop si compone di 17 tracce, alle quali vanno aggiunte altre 3 per la versione fisica.

    Leggi tutto...

  • Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo album di Capo Plaza?

    Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo album di Capo Plaza?

    Al dispetto del pensiero comune, Capo Plaza è nel gioco da più tempo di quanto si possa immaginare. Quindi cosa dovremmo aspettarci dal suo prossimo album?

    Leggi tutto...

  • Home
  • Discovery Album: No Hooks

Discovery Album: No Hooks

No Hooks è stato il primo progetto solista di Ernia dopo l’esperienza con i Troupe d’Elite e, nonostante dal 2016 sia passato qualche anno, risulta ancora tremendamente attuale sia nelle sonorità sia nelle tematiche.

La caratteristica che più colpisce di questo Ep, composto da 4 tracce, è proprio la qualità generale molto elevata. Capita molto spesso infatti che i primi progetti degli emergenti siano leggermente acerbi in qualche aspetto, dalla scrittura al flow. No Hooks no. E forse proprio perché Ernia un emergente non lo era affatto. Se è vero che l’esperienza musicale precedente non ha avuto i risultati sperati, è altrettanto vero che ha pesantemente forgiato il ragazzo sia musicalmente sia umanamente.

L’Ep funziona perché è molto minimale. Come lo stesso Ernia fa intendere dal titolo, in nessuno dei 4 brani è infatti presente il ritornello ed è forse questo il motivo principale della sua prolungata vitalità e durevolezza.

Certo, per potersi permettere di fare una scelta simile senza risultare pesante bisogna sicuramente sapere il fatto proprio nel rappare. E il punto è proprio questo, il Bel Mattè rappa veramente in modo eccelso. Marciando con il flow disegna versi e strofe che si stampano nella testa dell’ascoltatore proprio come fossero ritornelli.

Ogni brano è un viaggio pressoché differente, anche se in ognuno di essi è possibile scorgere un fil rouge comune: la rivalsa. Sentimento che però ha due facce, rispecchiate entrambe dall’insieme dei brani, una più rabbiosa e vendicativa dettata dalla grinta e della volontà di risalire dal fondo e un’altra più malinconica dovuta all’effettivo dolore che un fallimento cela.

Passando alla tracklist, Lewandoski 4 puó benissimo essere considerata come un perfettamente riuscito esercizio di stile, Santa Maria è anch’esso un brano molto tecnico ma nel quale Ernia ha scelto di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, oltre che omaggiare il QT8, suo quartiere d’origine.

Presi di mira perché troppo giovani da mezzi uomini
Io non rappo, io vi bacio in fronte come i morti

Instagram svela invece un’altra caratteristica che diventerà poi iconica nell’autore: la critica sociale senza peli sulla lingua e molto spesso celata dietro un neanche troppo velata ironia.

Tutti che parlan sempre di un che che non sanno fare
La foto del culo con didascalia di E. Montale
Dimostra che è profonda, non vuole solo montare
Ci parli e comprendi al volo: è analfabeta funzionale

In ultimo rimane Neve, forse una delle tracce più belle dell’intera carriera di Ernia. In essa il rapper milanese incolla sulla delicata base un mosaico di esperienze personali e pensieri che difficilmente lasciano indifferente l’ascoltatore.

Ne ho amata una per anni e altre solo per un attimo
Ma dimmi in fondo che differenza ci sta nel battito

In molte interviste Ernia ha raccontato di non aver mai avuto grandi pretese da questo progetto, anzi a suo dire l’obiettivo principale era solamente entrare gratis a qualche festa. Che sia stata proprio questa spensieratezza di base uno dei fattori che hanno fatto in modo si generasse un prodotto di tale qualità? Probabilmente si, anche se è evidente che i pianeti allineati durante la realizzazione di questo progetto sono stati molteplici.

Insomma, “No Hooks” è veramente un progetto ben fatto, poco impegnativo da riprendere e che risultata ancora oggi molto fresco. Cosa stai aspettando per andare a recuperarlo?

Tag: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici