• Il 2020 del rap americano è una royal rumble

    Il 2020 del rap americano è una royal rumble

    Erano probabilmente un paio d’anni che la scena rap statunitense non ci regalava un periodo così straripante di uscite di spessore e qualità.

    Leggi tutto...

  • Intervista a Random: il suo primo ep tra Chiasso e Montagne Russe

    Intervista a Random: il suo primo ep tra Chiasso e Montagne Russe

    Emanuele Caso, in arte Random, ha solo 19 anni ma sembra avere già le idee chiare. Montagne Russe è il suo primo ep, uscito da pochissimo, e l’immagine adrenalinica suggerita dal titolo potrebbe rappresentare bene, per analogia, la sua storia con la musica. In Frasi fatte dice di essere solo uno come tanti, ma i numeri dicono tutt’altro: conta già un doppio disco di platino, milioni di stream su Spotify, e videoclip che in pochissimo tempo finiscono tra le prime tendenze di YouTube. Spopola grazie a social come TikTok, e con la recentissima partecipazione ad Amici Speciali consolida, ed amplia, i suoi ascoltatori. Fa parte di quei ragazzi giovanissimi che stanno raggiungendo, in musica, numeri incredibili – Tha Supreme, Anna, Madame, solo per citarne alcuni: la nuova generazione sembra avere una marcia in più, in fatto di originalità artistica e velocità, raggiungendo un pubblico molto vasto in tempi relativamente brevi.

    Leggi tutto...

  • Gemelli: svolta o passo indietro?

    Gemelli: svolta o passo indietro?

    Il doppio. Una figura mitica del tutto identica ad un’altra persona che, spesso, ne incarna il lato oscuro. Un tema ampiamente esplorato nella letteratura – come nel cinema – lungo l’intera storia dell’umanità. Pensiamo all’Anfitrione di Plauto, una delle più classiche commedie degli equivoci, o alla triste vicenda del narcisista Dorian Grey, per non parlare del confuso rapporto tra il protagonista senza nome e Tyler Durden in Fight Club.

    Leggi tutto...

  • La poetica del disagio: Disme racconta le terre dell’introspezione

    La poetica del disagio: Disme racconta le terre dell’introspezione

    Malessere e tormento interiore: Disme racconta la vita cruda che ha vissuto. La terra ligure viene raccontata da un punto di vista del tutto singolare. In collaborazione con Futura 1993 ecco l’intervista all’artista spezzino di casa Golpe che sta lasciando una nuova impronta nella musica rap.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Il nuovo album di Bad Bunny è un inno alla musica latino-americana

Il nuovo album di Bad Bunny è un inno alla musica latino-americana

La scorsa settimana è uscito YHLQMDLG (acronimo di Yo Hago Lo Que Me Da La Gana), secondo album solista del rapper e cantante portoricano Bad Bunny, nome d’arte di Benito Martínez. Dopo i successi – ben contornati dall’ottimo responso della critica – di X100PRE e Oasis (quest’ultimo in collaborazione con J Balvin), sarà riuscito il Conejo Malo a ripetersi ancora una volta?

 

Io faccio quello che mi pare”. È una dichiarazione forte quella di Bad Bunny. In un panorama musicale dove è sempre più facile trovare artisti che si piegano alle spietate leggi del mercato, perdendo la loro impronta artistica e seguendo la corrente per ottenere un successo assicurato, l’album di Bad Bunny è un piccolo barlume di speranza. Attenzione, però: YHLQMDLG non è un disco perfetto. Ma andiamo con ordine.

 

Il Bad Bunny di X100PRE era un rapper con l’obiettivo di certificare il suo sound a livello mondiale. A quasi due anni di distanza, la situazione è decisamente cambiata. Basti pensare che il portoricano si è esibito all’ultima edizione del Superbowl Halftime Show (a fianco di Jennifer Lopez, Shakira e J Balvin).
YHLQMDLG è figlio di questo momento, probabilmente il più felice della carriera del Conejo Malo.

 

Il trittico d’apertura – Si Veo A Tu Mamá, La Difícil e Pero Ya No – coinvolge immediatamente l’ascoltatore in un clima festoso e spensierato, riflesso della realtà che sta vivendo l’artista.
La prima metà dell’album viene interamente dedicata all’amore, affrontato in tutte le sue mille sfaccettature. In alcuni brani è la figura femminile ad essere centrale: alcuni esempi sono la scatenata ragazza di Yo Perrea Sola e la sofisticata dagli standard troppo alti che si trova in La Santa; in altri pezzi, è l’atmosfera a prendersi il palcoscenico, come nel caso di Ignorantes, dove si respira un’aria malinconica dovuta a una rottura.

 

 

Questo lato romantico del disco è contraddistinto da preponderanza di sonorità reggaeton sull’onda dei primi anni 2000. Bad Bunny omaggia lo stile, i colori e le danze del periodo d’oro del genere latino, e la presenza di veterani come Daddy Yankee e Nengo Flow non è per niente casuale.
Di reggaeton ce n’è molto di più rispetto a X100PRE, e questo condizione fa comprendere uno dei fini che Martínez si è posto: portare la musica con cui è cresciuto al mondo intero.

 

Il fattore nostalgia, presente in larga scala nella tracce di X100PRE, ha qui la funzione di cornice. Esso, infatti, viene messo in primo piano sia nella copertina (dal taglio anni ’80) che nei videoclip. Il protagonista di questi ultimi è un Bad Bunny ancora ragazzino che vive le sue avventure a Porto Rico;  gioca con gli amici a basket o a GTA, porta la fidanzatina al cinema (in sala proiettano, tra le altre pellicole, Men in Black II), ascolta la musica col walkman. Questi dettagli aiutano ulteriormente chi ascolta ad immergersi nella calorosa dimensione del Conejo.

 

 

Da 25/8  fino al termine dell’opera assistiamo ad un evidente cambio di registro: i beat reggaeton lasciano spazio a produzioni latin trap più aggressive. Troviamo componimenti sfrontati come Está Cabrón Ser Yo, dove Bad Bunny e Anuell AA flexano sul loro status (La envidia mata al corazón/Sufren de odio con admiración/Soy el mejor trapero vivo en mi opinión), e inni autoritari a Porto Rico quali P FCK R, in cui viene fuori tutto il senso di appartenenza del cantante.

 

Il disco si chiude con due tracce interessanti: Hablamos Mañana, brano dall’attitudine punk il cui beat si trasforma gradualmente fino a diventare rock, e <3, una lettera molto emozionante del Conejo in cui ringrazia chiunque gli è sempre stato vicino (e nella quale dichiara la volontà di ritirarsi dopo il terzo disco).

 

Come detto in principio, tuttavia,  l’opera non è esente da difetti. YHLQMDLG stupisce sicuramente meno rispetto al suo predecessore, essendo più lineare e meno vario dal punto di vista musicale. Inoltre, si ha l’impressione che ci siano brani in eccesso, essendo alcuni di essi più anonimi di altri e perciò sacrificabili.
Infine, chi mal digerisce il reggaeton potrebbe alcune produzioni noiose e maledettamente ripetitive.

 

Quali conclusioni si possono trarre da Yo Hago Lo Que Me Da La Gana?
In un mondo in cui la musica latina sta prendendo sempre più piede, il rischio di rilasciare un prodotto banale era molto alto. Ciò non è successo, per il semplice motivo che Bad Bunny mastica reggaeton da quando è nato. YHLQMDLG si rivolge a tutti, ma soprattutto a chi nutre ancora dei pregiudizi nei confronti di un genere che sta venendo bistrattato, forse perché visto nella maniera sbagliata. L’inserimento di una componente latin trap, in più, aiuta a digerire una prima parte difficile per chi non è abituato ad un alto dosaggio di reggaeton. Perciò, alla fine dell’ascolto, ci si può ritenere soddisfatti?
Questa risposta è prettamente soggettiva, ma è certo che Bad Bunny abbia nuovamente dimostrato di avere una grande personalità, agendo di testa sua e facendo davvero ciò che gli andasse a genio.

Tag: , , , , , , ,


Matteo Carena

Ho vent'anni, studio psicologia e vado matto per la corrente cyberpunk. Nel tempo libero arricchisco la mia cultura leggendo, andando al cinema e ascoltando più musica possibile. Ho anche una certa passione per il calcio e la pallacanestro, ma il Milan e gli Oklahoma City Thunder, per mia sfortuna, non sono esattamente al top ora come ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici