• La scrittura onirica di Goya ha partorito uno dei migliori progetti del 2019

    La scrittura onirica di Goya ha partorito uno dei migliori progetti del 2019

    Ghost è il primo progetto solista di Goya aka Tommy Toxxic, membro del Wing Klan, duo romano formato da lui e Joe Scacchi. Completamente senza featuring, 18 tracce della durata complessiva di un’ora e sette minuti: per chiunque altro sarebbe stato un vero e proprio suicidio eppure il disco scorre benissimo. E il segreto è nella scrittura.

    Leggi tutto...

  • RIVELATA LA DATA DI USCITA DEL MACHETE MIXTAPE IV

    RIVELATA LA DATA DI USCITA DEL MACHETE MIXTAPE IV

    Stamattina nelle storie di Samo e di un vasto numero di associati Machete quali Dj Slait e MOAB è comparsa l’immagine di un misterioso QR Code proiettato sulle maxi affissioni della Stazione di Milano Centrale.

    Siamo corsi sul posto e siamo nella posizione di confermare i rumors che nei giorni precedenti hanno riscaldato l’atmosfera del rap italiano: è ufficiale: a distanza di cinque anni dal suo predecessore il MACHETE MIXTAPE IV sta per divenire realtà, e anche ben prima di quanto potesse sospettarsi.

    Il sospirato sequel uscirà sui digital store il prossimo 5 luglio, e seguendo questo link:

    https://forms.sonymusicfans.com/campaign/machete-mixtape-iv/

    è  già possibile presalvare l’album e ritrovarlo tra le tue playlist Spotify.

    Leggi tutto...

  • Cos’hanno in comune Game of Thrones e la Dark Polo Gang?

    Cos’hanno in comune Game of Thrones e la Dark Polo Gang?

    Da icone di rottura dell’immaginario pop, la Dark Polo Gang e Game of Thrones hanno subito un costante declino, andando incontro a un destino deludente Come è potuto succedere questo?

    Leggi tutto...

  • Tyga: la fenice che torna solo d’estate

    Tyga: la fenice che torna solo d’estate

    Dopo una lunga serie di singoli che hanno scalato le classifiche americane e mondiali, il 7 giugno Tyga pubblica il suo nuovo album Legendary.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Il social media manager della Ssangyong odia la Trap

Il social media manager della Ssangyong odia la Trap

Ebbene sì, avete capito bene: sulla pagina Facebook della SsangYong, una casa automobilstica coreana, è comparso uno slogan definibile in tutto e per tutto “anti-trap”, che ha scatenato non poche polemiche sul web.

Lo slogan: un’auto a prova di “trapper”

Che razza di musica è la trap? Spegnila o sul Rex non sali! #Rexton #NoTrap” è la didascalia che fa da contorno a una pubblicità quantomeno discutibile: un suv accostato a un cartello che raffigura la faccia di un trap rapper (con tanto di tatuaggi in faccia, capelli alzati e tipici occhialoni) sbarrata da un divieto. Uno slogan che è stato molto sentito, tant’è che si contano più di 3000 reactions a una settimana dalla sua pubblicazione, oltre che un migliaio di commenti.

Il suv sembra essere in tutto e per tutto a prova di “trapper”, come piace chiamarli al grande pubblico. I pubblicitari della SsangYong sono stati attratti dal “profumo di attualità” e ci si sono fiondati sopra come licaoni sulla carne fresca. Come possiamo immaginare, hanno ottenuto risultati più che negativi.

“Trap”: un tema che scotta

Inutile dire che lo slogan abbia scatenato risate e polemiche: questa pubblicità è l’ennesimo coltello girato nella piaga di una battaglia contro la trap, portata avanti da un numero sempre più cospicuo di persone che ritengono questo genere inutile e di basso livello, oltre che un’esortazione alla criminalità e all’uso di droghe. Primo indiziato tra tutti è il rapper Sfera Ebbasta, finito nell’occhio del ciclone dopo la tragedia di Corinaldo, che sarebbe accusato di portare i suoi fans sulla strada della droga. (Per saperne di più sulla trap in Italia, clicca qui.)

La polemica contro la trap va avanti ormai da un anno: sempre più persone (perlopiù genitori, docenti, conservatori della vecchia musica o i cosiddetti “puristi” del rap) condannano la trap, definendola come un genere deviato che porta i ragazzi sulla cattiva strada. Schierati dall’altra parte, i ragazzi delle nuove generazioni sostengono che la trap sia innovazione, freschezza, dinamismo e contenuti divertenti per i giovani. SsangYong ha colto l’opportunità per metterci del suo: questa pubblicità ha scatenato persone di tutte le età che si sono sbizzarrite nei commenti.

Le reazioni

I commenti che possiamo trovare sotto il post sono i più vari e disparati. “In un modo o nell’altro dovevate farvi notare”, “Come siete tristi”, “Come perdere il 90% del pubblico che avrebbe comprato quest’auto”; c’è anche chi ha lanciato frecciatine come “Dopo questa commercialata ottocentesca, comprerò un Mercedes Nero o una Tesla”. Ma c’è anche chi l’ha presa a ridere o ha colto l’occasione per accentuare la propria avversità alla trap.

Ve ne mostriamo qualcuno:

Morale della favola? Una strategia di marketing tanto originale quanto autodistruttiva: di 1000 commenti, un buon 70%  sono di biasimo e disapprovazione. Insomma, una campagna pubblicitaria piuttosto fallimentare che ha fatto discutere e riflettere sulla mancanza di buon senso ostentata dalla SsangYong, che forse dovrebbe rivalutare le proprie iniziative pubblicitarie.

 

 

Tag: , , ,


Filippo Alzani

Non ho una foto profilo, così se non ti piace l'articolo sul tuo idolo non saprai chi prendere a mazzate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici