• Corpus: L’Amore sopra di Axos è una promessa alla Sad Army

    Corpus: L’Amore sopra di Axos è una promessa alla Sad Army

    Axos decide di tornare all’improvviso e con la fame di chi ha da riconquistare la platea raggiunta con Machete. Corpus: L’Amore sopra si collega all’EP precedente e serve l’entrée che, con ogni probabilità, annuncia il nuovo album. 

    Leggi tutto...

  • Trezzano in tre atti: Trauma non è più quello di Cessih

    Trezzano in tre atti: Trauma non è più quello di Cessih

    Luca Galimi, in arte Trauma, è stato un pioniere del rap nella scena Milanese, e un profeta della sua sfaccettatura trash. Oggi però, dopo un periodo di pausa, caratterizzata da riflessioni sulla sua vita privata e dall’assenza dei social, Calabria è tornato più forte di prima, tentando di dare una nuova immagine di sè stesso.

    Leggi tutto...

  • Album di Kendrick & J.Cole: si può fare!

    Album di Kendrick & J.Cole: si può fare!

    Le voci su un possibile disco in coppia tra Kendrick Lamar e J. Cole vanno avanti da quasi un decennio. Ripercorriamo la storia di questi rumors alla luce delle recenti dichiarazioni di un compagno di crew di Kendrick Lamar.

    Leggi tutto...

  • Quentin40 non è più quello delle parole a metà

    Quentin40 non è più quello delle parole a metà




    Oggi l’hip hop si guarda, non è più da ascoltare” cantava Guè in Come Se Fosse Normale. Mai una citazione si è rivelata così azzeccata: oggi dove l’omologazione nel rap regna sovrano, la peculiarità di un artista è di fatto un elemento indispensabile per emergere da quel calderone fatto di vestiti rosa, beveroni e tatuaggi in viso. Quentin40 oltre ad essere uno degli emergenti più promettenti del panorama italiano per indiscusse doti di scrittura, è riuscito a distinguersi dalla suddetta massa informe grazie al suo segno particolare per eccellenza: troncare le parole.


    Leggi tutto...

  • Home
  • Tragedia al concerto di Sfera Ebbasta: 6 morti e oltre 100 feriti

Tragedia al concerto di Sfera Ebbasta: 6 morti e oltre 100 feriti




Questa notte, a Corinaldo (in provincia di Ancona), centinaia di ragazzi affollavano la discoteca Lanterna Azzurra in attesa dell’esibizione di Sfera Ebbasta, ma il tutto è sfociato in tragedia, con 6 morti e oltre 100 feriti, dei quali 13 in gravi condizioni.

Bilancio tragico

Nella discoteca nei pressi di Ancona, si pensa che a far scatenare questa drammatica corsa alle uscite, sia stata la dispersione di una sostanza urticante, come dello spray al peperoncino.

Morti in 6, di cui una madre 39enne che accompagnava la figlia e 5 minorenni (due ragazzi e tre ragazze) tra i 14 e 16 anni.
In più, vi sono 13 feriti gravi e 59 con traumi e lesioni da schiacciamento. Il 118 ha provveduto a trasferirne 35 all’ospedale di Senigallia, dove i 13 più gravi (alcuni dei quali in pericolo di vita) sono stati trasferiti d’urgenza all’ospedale Torrette di Ancona.

Testimonianze shock

Secondo un primo sopralluogo la discoteca è dotata di tre uscite di sicurezza, una delle quali da su un piccolo fosso, che grazie a un ponticello, collega il locale e il parcheggio. Proprio qui la folla ha avuto la peggio, decine di ragazzi si sono accalcati per passare fino a quando una balaustra ha ceduto e i primi ragazzi sono finite nel fossato.

Un ferito ha raccontato che stavano ballando quando hanno percepito un odore acre e sono corsi verso un’uscita di sicurezza, trovandola però sbarrata con i buttafuori che ordinavano di rientrare.
Lui e la ragazza sono stati trasportati all’ospedale di Torrette dove ha continuato a raccontare i fatti, descrivendo anche la scena di un ragazzo deceduto, schiacciato sotto il peso degli altri.

Da fuori, le persone in attesa di entrare, hanno riferito che si vedevano i ragazzi scappare al di fuori del locale che tossivano ed erano afflitti da problemi respiratori.

 

 




Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici