• Massimo Pericolo è la Prossima Grande Cosa

    Massimo Pericolo è la Prossima Grande Cosa

    Alessandro Vanetti, in arte Massimo Pericolo, è uno dei rapper più discussi del momento. Esploso dopo la pubblicazione del video della sua ultima canzone, 7 miliardi, il rapper di Varese ha cominciato a far parlare di sè grazie alla sua poliedricità musicale che lo sta aiutando a ritagliarsi un posto di rilievo nel rap game.

    Leggi tutto...

  • Sette anni fa, Death USB di Salmo

    Sette anni fa, Death USB di Salmo

    Il 15 Febbraio 2012, esattamente sette anni fa, Maurizio Pisciottu, in arte Salmo pubblicava sotto Tanta Roba il suo secondo disco ufficiale dopo il fortunato The Island Chainsaw Massacre. Questo disco, che leggenda vuole che sia stato prodotto in una sola settimana, porta un nome che è tutto un programma: Death USB.

    Leggi tutto...

  • Tre anni fa, The Life of Pablo di Kanye West

    Tre anni fa, The Life of Pablo di Kanye West

    Il 14 febbraio 2016 usciva The Life of Pablo, settimo disco ufficiale di Kanye West.

    Leggi tutto...

  • Guè Pequeno ha ragione: l’Italia non ha ancora capito l’hip hop

    Guè Pequeno ha ragione: l’Italia non ha ancora capito l’hip hop

    La rivista GQ ha intervistato Guè Pequeno prima della sua partecipazione come ospite nella serata di Sanremo del venerdì. Come sempre, non ha avuto peli sulla lingua. E ha pure ragione.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Ensi e il ritorno del boom bap moderno: Clash

Ensi e il ritorno del boom bap moderno: Clash

Pochi giorni fa è uscito Clash, l’ultimo lavoro di Ensi che con questo progetto ci riporta direttamente alle origini più pure del genere.

Quando si è una colonna portante del genere, uno che ha fatto un featuring con Kaos One e quando hai sfornato almeno un classico, ogni tuo progetto viene passato sotto la lente d’ingrandimento del pubblico e pressato dal peso delle aspettative.

Venerdì primo Febbraio esce il quinto disco ufficiale della carriera solista di Ensi, Clash (sesto se si conta il classico Sotto la cintura dei Onemic), anticipato da tre freestyle usciti nell’arco delle prime tre settimane di Gennaio e l’estratto Deng Deng contenente il featuring di Patrick Benifei (nome sicuramente non nuovo, specie per chi segue lo stesso Ensi).

Il rapper torinese ci presenta il disco come la cosa più semplice del mondo: un disco rap, tante barre, qualche ritornello che resta in testa, un solo collega tra i featuring e tante rime ed il disco è esattamente quel che ci è stato presentato.

Clash inizia con il freestyle omonimo, parte subito forte e non si ferma più arrivando a toccare picchi molto alti in tracce come Mutombo e Rapper, traccia arricchita dalla presenza dell’unico altro rapper all’interno di questo progetto: Johnny Marsiglia, che reduce dal fortunato ed apprezzato Memory ha regalato quella che senza dubbio è una delle strofe migliori di tutto il progetto.

Verso la fine del disco vi è anche occasione di toccare corde più intime, in particolar modo le ultime due tracce con cui Clash si chiude colpiscono per l’enorme distacco attitudinale dal resto dell’album che riesce comunque a mantenersi omogeneo nel suo sound e nelle, ottime, prestazioni del suo interprete.

Anche le altre collaborazioni funzionano, Attila arricchisce una traccia come Rat Race, il singolo Deng Deng è una mina ma più di tutti incuriosisce la performance, oltre quella di Marsiglia, di Agent Sasco, featuring di calibro internazionale che dà una marcia in più ad un banger come Rapper.

Il concetto dietro l’ultima fatica di Ensi è tanto semplice quanto efficace, si punta tutto sul rap e questa scelta, oggi più che mai, appare giusta.

In un mercato del genere ed in una situazione come quella attuale per il rap italiano puntare sul rap è quello che serve poichè , paradossalmente. è proprio il rap che manca. Tra tutta questa innovazione, voglia di sperimentare e creare nuove strade ancora non battute in Italia (o proprio nel rap in generale) si sta perdendo di vista l’anima di questa musica che Ensi ci ripropone prepotentemente in questo progetto.

Chiamatelo come volete, boom bap, classic shit, “vero” rap, Hip Hop ma questo manca nella scena nostrana attualmente ed il rapper torinese ce lo sbatte in faccia con la stessa fotta delle grandi battle di freestyle mostrandoci che suonare classici non è suonare vecchi, che non tutto quello che non è Trap allora è old school, che esiste ancora chi fa questa musica nel senso più puro e genuino del termine.

Questo rappresenta Clash e questo è quello che ci vuole dire Ensi in questo inizio di 2019 e probabilmente lo fa nella maniera migliore possibile.

Tag: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici