• We Still Love Sosa: GloToven contiene il migliore Chief Keef

    We Still Love Sosa: GloToven contiene il migliore Chief Keef

    Chief Keef e Zaytoven hanno pubblicato il 15 marzo GloToven, un joint album ampiamente pubblicizzato dal quale è lecito attendersi un comeback di Sosa ai fasti dei primi lavori. Sarà stata la volta buona?

    Leggi tutto...

  • Side Baby deve dare un colpo di coda alla sua carriera

    Side Baby deve dare un colpo di coda alla sua carriera

    A quasi un anno dalla sua uscita dalla Dark Polo Gang, Side non è più uno dei nomi caldi del Rap Game italiano, in parte perché i suoi ultimi lavori – tutti singoli o collaborazioni – non hanno convinto il vecchio ed il nuovo pubblico, in parte perché – come si percepisce – sembrerebbe rimasto troppo fuori dagli schemi e quasi svogliato.

    Leggi tutto...

  • Roddy Ricch è il Krzysztof Piatek della trap

    Roddy Ricch è il Krzysztof Piatek della trap

    Proprio come l’attaccante polacco, dopo un 2018 che ha fatto accrescere le aspettative su di lui, Roddy Ricch ha saputo iniziare il suo 2019 rinnovando quanto di buono ci aveva fatto vedere lo scorso anno, alzando addirittura l’asticella.

    Leggi tutto...

  • CREDICI PIETRO: ora il figlio di Gianni Morandi non è più un meme

    CREDICI PIETRO: ora il figlio di Gianni Morandi non è più un meme

    Se il PIL si misurasse con la diffusione della cultura Hip Hop, l’Italia sarebbe il Burundi. Abbiamo solo da poco imparato a digerire la dialettica di questa musica, e a malapena ci orientiamo nella distinzione tra i suoi diversi sottogeneri. Superata l’adolescenza, come italiani guardiamo con sospetto ad ogni espressione artistica che non si inserisca nel rassicurante solco della tradizione cantautorale del secondo Novecento.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Jack Out e Radical sicuramente non andranno al Sert

Jack Out e Radical sicuramente non andranno al Sert

La Bilogang si sta facendo notare come uno dei progetti dal sound più distintivo in Italia. Jack Out, uno dei suoi membri, ha da poco rilasciato No Sert Ep, in collaborazione con Radical. E siamo sicuri che i due, no, non ci andranno al Sert.

La Liguria negli ultimi anni si è imposta come una delle regioni cardine del rap italiano. L’esplosione del movimento Wild Bandana/Drilliguria ha portato sotto i riflettori una scena che fino a poco tempo fa sembrava silente.
Proveniente da Savona, ma ormai ben radicato a Torino, Jack Out è sicuramente una delle voci più particolari del gruppo di rapper che è fiorito intorno allo Studio Ostile di Demo.

Influenzato profondamente dalla nuove sonorità americane, l’anno scorso ha rilasciato il suo primo album ufficiale, Pussy Lover, per poi impegnarsi nell’esperienza della Bilogang, insieme ai suoi coinquilini di bilocale, G. Pillola e Travis Scottex.

 

Jack Out è da sempre stato attento alla scena Soundcloud d’oltreoceano ed italiana, che, sebbene nell’ombra, sta iniziando a farsi strada anche alle nostre latitudini.

Nomi come la Fuckyourclicque, Lil Rumore, Emmezio, stanno iniziando a costruirsi un seguito importante, sia in fatto di ascolti sulla piattaforma americana, sia come quantità di fan sparsi in tutto il paese.

Tra tutti gli appartenenti a questo nuovo sentiero del rap italiano, si è messo molto in mostra Radical, artista romano che ha già collaborato in passato con la Fuckyourclicque per la hit underground Virginia Raggi, e che, insieme a Jack Out, ha sfornato No Sert Ep, ideato, registrato e mixato in soli 5 giorni di lavoro in terra ligure.

I quattro pezzi, prodotti da un Peezza in ottimo stato di forma, si fanno notare per la loro particolarità, facendo risultare questo ep come un unicum all’interno di una scena nella quale la qualità complessiva è aumentata a discapito dell’originalità e della voglia di sperimentare.
All’interno di questo prodotto è proprio il coraggio a non mancare mai: in 9 minuti e 26 non c’è una sola canzone che suoni come qualcosa di già sentito, con scelte talvolta ardite (si pensi al canto in falsetto di Jack Out in Jedi, che risente dell’influenza di Baby Jayy e del suo exploit oltreoceano), l’autotune è spinto al massimo ma non manca mai volontà di fondo di sfornare hit.
È proprio questo il termine col quale più si può descrivere la titletrack, No Sert, che, nella sua semplicità, tecnica e sonora, riesce a rimanere impressa nella mente dell’ascoltatore senza possibilità di schiodarsi (anche grazie al frenetico video , pubblicato da qualche settimana su Youtube).

Ottimi anche i featuring dei già citati Lil Rumore ed Emmezio, presenti all’interno di quella che, nel suo tono calmo e riflessivo, è probabilmente la traccia migliore tra le quattro, Mi serve un medico.

 

No Sert Ep è stravagante. No Sert Ep è un prodotto seminale. No Sert Ep è un lavoro imperfetto. Ma No Sert Ep è anche un netto successo: finalmente nel rap italiano si torna a sperimentare, a fare scelte che possono sembrare impopolari o visionarie, tenendo conto dei gusti in primis degli artisti.

E con ottimi risultati.

 

 

 

Tag: , , , , , , , ,


Savio De Vivo

Savio De Vivo

24 anni. Sono un uomo di poche parole...ci sono domande?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici