• Da Cinisello all’America: il viaggio di Vegas Jones

    Da Cinisello all’America: il viaggio di Vegas Jones

    Quando si nomina Cinisello Balsamo è difficile non pensare a Sfera Ebbasta, che già dalla street hit Ciny fece della sua appartenenza alla città dell’hinterland milanese il proprio marchio di fabbrica: a partire dal 2015 questo luogo ha avuto una valenza quasi simbolica per l’allora movimento della “nuova scuola”. Tuttavia a Cinisello ha avuto luogo la genesi di un altro rapper, Vegas Jones, che non intende assolutamente passare in secondo piano.

    Leggi tutto...

  • Tyler, The Creator ha di nuovo mutato pelle

    Tyler, The Creator ha di nuovo mutato pelle

    Igor è il sesto album di Tyler, The Creator che si presta a diventare uno dei progetti più interessanti del 2019, soprattutto per il suo difficile inquadramento in un preciso settore musicale. È lo stesso artista a presentare il suo ultimo lavoro come un non album, raccomandando l’ascoltatore di non aspettarsi di avere davanti un progetto rap.

    Leggi tutto...

  • La Beast Coast sta per fuggire da New York

    La Beast Coast sta per fuggire da New York

    “1997. New York City è una prigione di massima sicurezza. Uscirne è impossibile. Entrarvi è da folli”. Questo è lo slogan di Escape From New York, film fantascientifico del 1981 ambientato nella New York di fine millennio, al quale il creatore di Metal Gear Solid si è ispirato per la creazione del personaggio di Snake, e che ora presterà il suo nome all’album d’esordio della Beast Coast, il super-gruppo rap di New York capitanato da Joey Bada$$, in uscita il 24 maggio.

    Leggi tutto...

  • Clementino è rinato dalle proprie tarantelle

    Clementino è rinato dalle proprie tarantelle

    Tornare sulla scena dopo quasi due anni di inattività non è mai facile. Soprattutto se in questo lasso di tempo le logiche del mercato sono cambiate e la tua assenza è dovuta anche ad un lungo periodo in comunità a causa della dipendenza daquella merda che è la cocaina”. Clementino sa bene tutto questo, l’ha vissuto sulla sua pelle dopo aver toccato il cielo e raggiunto un grande successo con le due partecipazioni consecutive al Festival di Sanremo.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Jack Out e Radical sicuramente non andranno al Sert

Jack Out e Radical sicuramente non andranno al Sert

La Bilogang si sta facendo notare come uno dei progetti dal sound più distintivo in Italia. Jack Out, uno dei suoi membri, ha da poco rilasciato No Sert Ep, in collaborazione con Radical. E siamo sicuri che i due, no, non ci andranno al Sert.

La Liguria negli ultimi anni si è imposta come una delle regioni cardine del rap italiano. L’esplosione del movimento Wild Bandana/Drilliguria ha portato sotto i riflettori una scena che fino a poco tempo fa sembrava silente.
Proveniente da Savona, ma ormai ben radicato a Torino, Jack Out è sicuramente una delle voci più particolari del gruppo di rapper che è fiorito intorno allo Studio Ostile di Demo.

Influenzato profondamente dalla nuove sonorità americane, l’anno scorso ha rilasciato il suo primo album ufficiale, Pussy Lover, per poi impegnarsi nell’esperienza della Bilogang, insieme ai suoi coinquilini di bilocale, G. Pillola e Travis Scottex.

 

Jack Out è da sempre stato attento alla scena Soundcloud d’oltreoceano ed italiana, che, sebbene nell’ombra, sta iniziando a farsi strada anche alle nostre latitudini.

Nomi come la Fuckyourclicque, Lil Rumore, Emmezio, stanno iniziando a costruirsi un seguito importante, sia in fatto di ascolti sulla piattaforma americana, sia come quantità di fan sparsi in tutto il paese.

Tra tutti gli appartenenti a questo nuovo sentiero del rap italiano, si è messo molto in mostra Radical, artista romano che ha già collaborato in passato con la Fuckyourclicque per la hit underground Virginia Raggi, e che, insieme a Jack Out, ha sfornato No Sert Ep, ideato, registrato e mixato in soli 5 giorni di lavoro in terra ligure.

I quattro pezzi, prodotti da un Peezza in ottimo stato di forma, si fanno notare per la loro particolarità, facendo risultare questo ep come un unicum all’interno di una scena nella quale la qualità complessiva è aumentata a discapito dell’originalità e della voglia di sperimentare.
All’interno di questo prodotto è proprio il coraggio a non mancare mai: in 9 minuti e 26 non c’è una sola canzone che suoni come qualcosa di già sentito, con scelte talvolta ardite (si pensi al canto in falsetto di Jack Out in Jedi, che risente dell’influenza di Baby Jayy e del suo exploit oltreoceano), l’autotune è spinto al massimo ma non manca mai volontà di fondo di sfornare hit.
È proprio questo il termine col quale più si può descrivere la titletrack, No Sert, che, nella sua semplicità, tecnica e sonora, riesce a rimanere impressa nella mente dell’ascoltatore senza possibilità di schiodarsi (anche grazie al frenetico video , pubblicato da qualche settimana su Youtube).

Ottimi anche i featuring dei già citati Lil Rumore ed Emmezio, presenti all’interno di quella che, nel suo tono calmo e riflessivo, è probabilmente la traccia migliore tra le quattro, Mi serve un medico.

 

No Sert Ep è stravagante. No Sert Ep è un prodotto seminale. No Sert Ep è un lavoro imperfetto. Ma No Sert Ep è anche un netto successo: finalmente nel rap italiano si torna a sperimentare, a fare scelte che possono sembrare impopolari o visionarie, tenendo conto dei gusti in primis degli artisti.

E con ottimi risultati.

 

 

 

Tag: , , , , , , , ,


Savio De Vivo

Savio De Vivo

24 anni. Sono un uomo di poche parole...ci sono domande?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici