• Che io mi aiuti: Bresh ha retto da solo il peso dell’oceano

    Che io mi aiuti: Bresh ha retto da solo il peso dell’oceano

    La Liguria, da qualche anno, è diventata una regione che ha saputo imporsi con grande vigore al centro della scena rap nostrana. Dall’estremo occidente dell’Italia una giovanissima generazione ha saputo rompere l’egemonia che da due decenni dominava il genere nella penisola, dominio presidiato da Milano, Roma, Napoli, Torino e Bologna. Queste città hanno da sempre funto da centri di formazione e catalizzatori per i rapper di ogni dove, come grandi dojo separati in cui affinare le proprie abilità.

    Genova, dal canto suo, ha sempre fornito al nostro paese la più grande scuola di cantautorato e forse l’impronta musicale più riconoscibile dello stivale, dentro e fuori i confini nazionali.

    Leggi tutto...

  • MULA EP: l’amore che dura poco

    MULA EP: l’amore che dura poco

    Il 2018 fu un anno di ricerca per Giaime: l’obiettivo era trovare una formula giusta per riuscire a sfondare le porte del mainstream italiano. I successi di TIMIDO e FINCHÈ FA GIORNO e il parziale flop delle due prove di GIMMI ANDRYX 2018 furono una chiara risposta ai dubbi dell’artista: il pubblico preferiva ascoltare il lato più romantico del rapper milanese.
    L’anno successivo è stato quello della conferma: FIORI e MI AMI O NO, certificate disco d’oro, contano ad ora più di venti milioni di streaming su Spotify.
    Arriviamo quindi a MULA, un EP di cinque tracce che rappresenta il culmine del percorso intrapreso due anni prima.

    Leggi tutto...

  • Discovery Album: 2014 Forest Hills Drive

    Discovery Album: 2014 Forest Hills Drive

    Il 9 dicembre 2014 Jermaine Lamarr Cole, in arte J.Cole, pubblica per Dreamville Records e Roc Nations il terzo album in studio: 2014 Forest Hills Drive. Cosa rende fino ad oggi questo disco un must listen per gli amanti del rap?

    Leggi tutto...

  • Pop Smoke è la next big thing?

    Pop Smoke è la next big thing?

    Il 7 febbraio Pop Smoke ha rilasciato il suo secondo mixtape, Meet the Woo 2, seguito del fortunato primo capitolo pubblicato nel luglio scorso. Ma facciamo un passo indietro: chi è Pop Smoke, presente anche nella prima parte di Jackboys?

    Leggi tutto...

  • Home
  • Jack Out e Radical sicuramente non andranno al Sert

Jack Out e Radical sicuramente non andranno al Sert

La Bilogang si sta facendo notare come uno dei progetti dal sound più distintivo in Italia. Jack Out, uno dei suoi membri, ha da poco rilasciato No Sert Ep, in collaborazione con Radical. E siamo sicuri che i due, no, non ci andranno al Sert.

La Liguria negli ultimi anni si è imposta come una delle regioni cardine del rap italiano. L’esplosione del movimento Wild Bandana/Drilliguria ha portato sotto i riflettori una scena che fino a poco tempo fa sembrava silente.
Proveniente da Savona, ma ormai ben radicato a Torino, Jack Out è sicuramente una delle voci più particolari del gruppo di rapper che è fiorito intorno allo Studio Ostile di Demo.

Influenzato profondamente dalla nuove sonorità americane, l’anno scorso ha rilasciato il suo primo album ufficiale, Pussy Lover, per poi impegnarsi nell’esperienza della Bilogang, insieme ai suoi coinquilini di bilocale, G. Pillola e Travis Scottex.

 

Jack Out è da sempre stato attento alla scena Soundcloud d’oltreoceano ed italiana, che, sebbene nell’ombra, sta iniziando a farsi strada anche alle nostre latitudini.

Nomi come la Fuckyourclicque, Lil Rumore, Emmezio, stanno iniziando a costruirsi un seguito importante, sia in fatto di ascolti sulla piattaforma americana, sia come quantità di fan sparsi in tutto il paese.

Tra tutti gli appartenenti a questo nuovo sentiero del rap italiano, si è messo molto in mostra Radical, artista romano che ha già collaborato in passato con la Fuckyourclicque per la hit underground Virginia Raggi, e che, insieme a Jack Out, ha sfornato No Sert Ep, ideato, registrato e mixato in soli 5 giorni di lavoro in terra ligure.

I quattro pezzi, prodotti da un Peezza in ottimo stato di forma, si fanno notare per la loro particolarità, facendo risultare questo ep come un unicum all’interno di una scena nella quale la qualità complessiva è aumentata a discapito dell’originalità e della voglia di sperimentare.
All’interno di questo prodotto è proprio il coraggio a non mancare mai: in 9 minuti e 26 non c’è una sola canzone che suoni come qualcosa di già sentito, con scelte talvolta ardite (si pensi al canto in falsetto di Jack Out in Jedi, che risente dell’influenza di Baby Jayy e del suo exploit oltreoceano), l’autotune è spinto al massimo ma non manca mai volontà di fondo di sfornare hit.
È proprio questo il termine col quale più si può descrivere la titletrack, No Sert, che, nella sua semplicità, tecnica e sonora, riesce a rimanere impressa nella mente dell’ascoltatore senza possibilità di schiodarsi (anche grazie al frenetico video , pubblicato da qualche settimana su Youtube).

Ottimi anche i featuring dei già citati Lil Rumore ed Emmezio, presenti all’interno di quella che, nel suo tono calmo e riflessivo, è probabilmente la traccia migliore tra le quattro, Mi serve un medico.

 

No Sert Ep è stravagante. No Sert Ep è un prodotto seminale. No Sert Ep è un lavoro imperfetto. Ma No Sert Ep è anche un netto successo: finalmente nel rap italiano si torna a sperimentare, a fare scelte che possono sembrare impopolari o visionarie, tenendo conto dei gusti in primis degli artisti.

E con ottimi risultati.

 

 

 

Tag: , , , , , , , ,


Savio De Vivo

Savio De Vivo

27 anni ma per tre ne ho avuti 24. Sono un uomo di poche parole...ci sono domande?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici