• Un parto nell’acqua: Mac Miller rinasce con Swimming

    Un parto nell’acqua: Mac Miller rinasce con Swimming

    Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori, diceva De Andrè. Ed è proprio questo che è successo a Mac Miller, che, da un periodo buio, ha trovato la forza di rialzarsi , ha trovato la forza di Nuotare per rimanere a galla, con il suo nuovo album: Swimming.

    Leggi tutto...

  • Il terzo album di YG mostra i pro e i contro di rimanere gangsta

    Il terzo album di YG mostra i pro e i contro di rimanere gangsta

    Divenuto il simbolo del G-Rap moderno, vicino alla West Coast e lontano dal Southside, il rapper di Compton YG è tornato con il suo terzo album ufficiale dopo due anni dall’acclamato Still Brazy e quattro dal primo grande successo My Krazy Life.

    Leggi tutto...

  • Denzel Curry e il suo TA13OO: vietato nascondere il talento

    Denzel Curry e il suo TA13OO: vietato nascondere il talento

    L’artista classe 1995 ha da poco pubblicato il suo nuovo progetto TABOO (TA13OO) diviso in tre atti, noi lo abbiamo ascoltato e recensito.

    Leggi tutto...

  • Non chiamatela popstar: Iggy Azalea ricomincia da capo con un nuovo EP

    Non chiamatela popstar: Iggy Azalea ricomincia da capo con un nuovo EP

    Divenuta celebre con canzoni che hanno sbancato in tutto il mondo come Black Widow con Rita Ora o Fancy assieme a Charlie XCX, Iggy Azalea torna con un ep estivo che di estivo ha ben poco.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Non chiamatela popstar: Iggy Azalea ricomincia da capo con un nuovo EP

Non chiamatela popstar: Iggy Azalea ricomincia da capo con un nuovo EP

Divenuta celebre con canzoni che hanno sbancato in tutto il mondo come Black Widow con Rita Ora o Fancy assieme a Charlie XCX, Iggy Azalea torna con un ep estivo che di estivo ha ben poco.

Iggy Azalea è una figura che si può dire venga quasi “ignorata” ed esclusa dalla scena Hip-Hop, nonostante sia a tutti gli effetti una rapper e abbia collaborato con artisti del calibro di T.I., vuoi perché non è americana o perché da rap a pop il passo è breve; in ogni caso, Iggy è l’esempio perfetto dell’inseguire The American Dream con determinazione. Immigrata australiana trasferitasi negli States giovanissima in cerca di opportunità e fama, ha trovato tutto ciò che andava bramando, divenendo una vera e propria popstar e icona del fashion al pari di molte altre cantanti della scena americana ed internazionale.

L’EP, intitolato Survive the summer, è il forse goffo ma riuscito tentativo di regalare qualcosa ai fan dopo anni di attesa verso un album mai uscito e apparentemente rottamato dalla – ormai – sua ex-etichetta discografica, a cui non ha risparmiato frecciatine nel progetto. A differenza del precedente album, viene abbandonata la piega pop e si passa ad una formula fatta di esercizi di stile ed autocelebrazione, facendo l’occhiolino al mai invecchiato rap femminile di Remy Ma, Missy Elliott o Lil’ Kim (che hanno gettato le basi per il moderno rap dell’altro sesso) e a sonorità cupe che accompagnano il grottesco immaginario hollywoodiano presentato nelle liriche.

Si vede una Iggy che dopo essere stata data per spacciata da molti, è pronta a ripartire da capo, lasciandosi alle spalle la ragazzina immigrata arrivata in America con la semplice ambizione di farsi notare. Sono presenti solo due collaborazioni tra le sei tracce che compongono il lavoro, la prima è Kream, con il rapper di Compton Tyga (che è stata anche il primo singolo rilasciato), mentre la seconda è intitolata OMG ed è assieme a Wiz Khalifa (di recente uscito con il seguito del suo più iconico disco, Rolling Papers). Tra i produttori va citato il chiaccheratissimo Ronny J, celebre per le collaborazioni con Lil Pump, Ski Mask, il compianto XXXTentacion e tanti altri.

Survive the summer è un progetto fresco, al passo coi tempi e per i canoni di Iggy anche abbastanza sperimentale, con influenze che spaziano dal rap femminile anni ’90 alla trap atlantiana e con non pochi elementi presi dalla scena pop americana più moderna, riuscendo però comunque a suonare come un disco cento per cento Hip-Hop (per quel che ancora può significare questa parola oramai incredibilmente generale) che rappresenta un ottimo punto di partenza per una nuova carriera di successo intrapresa dalla rapper bianca più celebre al mondo.

 

Tag: , , , ,


Fabio Russo

Fabio Russo

Mi piace il rap coreano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici