• Home
Fiore di Loto

Parte oggi il preorder di “Fiore di Loto”, il nuovo album di Tmhh, prodotto da Glory Hole Records e disponibile in streaming su Spotify, su tutti i digital store e in copia fisica su http://www.bucodelrap.it/index.php/tmhh-fiori-di-loto.html

A poco più di un anno di distanza da “Errare Umano”, il suo album d’esordio ufficiale – ben accolto sia dalla critica che dal pubblico -, il rapper marchigiano torna con un nuovo progetto, ancora una volta contraddistinto dalla forza introspettiva delle liriche. Dopo aver analizzato attentamente la figura dell’uomo nel progetto precedente, partendo da se stesso, questa volta Tmhh cerca di osservare ciò che lo circonda con più leggerezza ma sempre con attenzione. Ad aiutarlo con questa nuova prospettiva di ricerca c’è il tappeto sonoro, interamente firmato da Jjames, che spazia in molte direzioni diverse, dando una ventata di freschezza imprevedibile all’immaginazione del rapper classe ’92. Trovano infatti spazio sonorità più attuali e incalzanti, momenti più melodici e intimi, altri quasi latineggianti, a dimostrare quanto la versatilità tecnica e musicale di Tmhh vada di pari passo con la profondità della sua scrittura.

Toyboy” è il titolo del nuovo singolo di Gher, disponibile in streaming su Spotify e su tutti i digital store.

Dopo aver accumulato più di 50.00 stream con il suo primo singolo, “Don’t Stop”, e dopo la partecipazione ad Amici, la giovane Gher torna con un brano provocatorio, che gioca con ironia sul ruolo da “macho” e rubacuori che contraddistingue i rapper, quando parlano del loro rapporto con le donne. “Toyboy” ribalta infatti i ruoli, con la leggerezza tipica dell’artista di origini calabresi, che rivendica in realtà la posizione di forza in questo valzer tra uomo e donna. La produzione, firmata da Cosmophonix, è caratterizzata da atmosfere latineggianti, perfettamente in linea con il mood delle liriche di Gher.

Fake Love” è il titolo del nuovo singolo di Warguta Makaveli, disponibile in streaming su Spotify e su tutti i digital store.

A qualche settimana di distanza da “Sorry Mama”, realizzata in collaborazione con Isi Noice e prodotta da Pankees, Warguta Makaveli pubblica una nuova traccia, prodotta da 30Purple. Come le ultime uscite, anche per “Fake Love” Warguta sceglie come featuring un amico e collega con cui collaborare: una delle strofe è infatti firmata da Babyblood, che aveva già collaborato con Warguta in occasione di “Come La Dro”.

“Fake Love” è uno sfogo, un brano in cui l’autocelebrazione e l’ostentazione si mischiano alla voglia di mettere alla berlina tutte quelle persone che scompaiono per poi comparire quando le cose vanno bene, che si dimostrano disponibili solo quando tutto gira bene; quelle figure che, in sostanza, sono sempre pronte a dimostrare del “finto amore” all’occasione.

Bedo” è il titolo dell’ultimo singolo del collettivo 92 Empire, disponibile in streaming su Spotify e su tutti i digital store.

92 Empire è un gruppo composto dai rapper Blvnt SinatraLucky B e Rollie Roland, nati e cresciuti ad Agrigento; dalla stessa città provengono anche 2ronz Southern130, i produttori della traccia. “Bedo” è un brano dalle atmosfere leggere ma dal messaggio intenso, una storia di rivalsa, il sogno di una vita diversa che passa per scelte sbagliate, ma spesso forzate. I giovani rapper parlano di un passato di cui non vanno fieri, ma che nel bene e nel male li ha resi chi sono, e dal quale ora vorrebbero allontanarsi per cambiare vita, proprio con il rap. Il termine “bedo” viene infatti utilizzato nel gergo francese per indicare l’hashish, mentre “guedro” si riferisce alla droga in generale; i 92 Empire ne parlano come un mezzo, non la esaltano, vorrebbero anzi potersela mettere alle spalle.

Bluvertigo” è il titolo del nuovo singolo di Malakay, distribuito da Artist First e disponibile in streaming su Spotify e su tutti i digital store.

Dopo aver inaugurato il suo 2019 con “V Days”, ep accolto con entusiasmo da pubblico e critica grazie all’ottima sperimentazione tra rap, r’n’b e trapsoul, il rapper sardo Malakay si appresta a chiudere l’anno con un singolo dal mood completamente diverso. “Bluvertigo”, che ribadisce il vincente sodalizio con Pherro nelle vesti di produttore, è infatti un brano dalle sonorità cupe, a tratti quasi distorte, che immergono l’ascoltatore in un mondo privo di riferimenti, disorientante, ma al tempo stesso affascinante e ipnotico. Un groove da club incalzante, che ben si sposa con la metrica serrata scelta da Malakay, che si esprime per immagini a tratti passionali, a tratti autocelebrative, a tratti dannate; una combinazione di elementi difficile da catalogare, ma trascinante. Il titolo è un omaggio diretto ai Bluvertigo, storica band capitanata da Morgan, una delle preferite da Malakay.

La cover di “Bluvertigo” è a cura di Enrico Rassu.

Seguici