• We Still Love Sosa: GloToven contiene il migliore Chief Keef

    We Still Love Sosa: GloToven contiene il migliore Chief Keef

    Chief Keef e Zaytoven hanno pubblicato il 15 marzo GloToven, un joint album ampiamente pubblicizzato dal quale è lecito attendersi un comeback di Sosa ai fasti dei primi lavori. Sarà stata la volta buona?

    Leggi tutto...

  • Side Baby deve dare un colpo di coda alla sua carriera

    Side Baby deve dare un colpo di coda alla sua carriera

    A quasi un anno dalla sua uscita dalla Dark Polo Gang, Side non è più uno dei nomi caldi del Rap Game italiano, in parte perché i suoi ultimi lavori – tutti singoli o collaborazioni – non hanno convinto il vecchio ed il nuovo pubblico, in parte perché – come si percepisce – sembrerebbe rimasto troppo fuori dagli schemi e quasi svogliato.

    Leggi tutto...

  • Roddy Ricch è il Krzysztof Piatek della trap

    Roddy Ricch è il Krzysztof Piatek della trap

    Proprio come l’attaccante polacco, dopo un 2018 che ha fatto accrescere le aspettative su di lui, Roddy Ricch ha saputo iniziare il suo 2019 rinnovando quanto di buono ci aveva fatto vedere lo scorso anno, alzando addirittura l’asticella.

    Leggi tutto...

  • CREDICI PIETRO: ora il figlio di Gianni Morandi non è più un meme

    CREDICI PIETRO: ora il figlio di Gianni Morandi non è più un meme

    Se il PIL si misurasse con la diffusione della cultura Hip Hop, l’Italia sarebbe il Burundi. Abbiamo solo da poco imparato a digerire la dialettica di questa musica, e a malapena ci orientiamo nella distinzione tra i suoi diversi sottogeneri. Superata l’adolescenza, come italiani guardiamo con sospetto ad ogni espressione artistica che non si inserisca nel rassicurante solco della tradizione cantautorale del secondo Novecento.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Fasma: non chiamatelo nuovo Briga

Fasma: non chiamatelo nuovo Briga

Fasma è uno dei volti che si sta facendo spazio nella scena romana grazie al nuovo sottogenere della trap scatenatasi, in questi ultimi anni, negli USA: l’emo-trap. Ma bastano davvero qualche canzone sdolcinata e alcune somiglianze generali per essere definito il nuovo Briga?

Parlando già dalla “gavetta”, i due rapper hanno percorso una strada completamente differente: partendo da Briga, trascorso un periodo sotto l’ala protettiva dell’Honiro Label – iniziato subito dopo l’uscita del suo EP d’esordio, autoprodotto, Anamnesi – grazie alla quale entra in contatto con altri nomi già rilevanti della scena romana – come Coez e Gemitaiz – e pubblica il mixtape Malinconia della partenza e il primo album in studio Alcune sere, nel 2015 riesce a partecipare al talent show Amici di Maria De Filippi, classificandosi secondo nella finale della fase serale e pubblicando, nel maggio dello stesso anno, il suo secondo album, Never Again.

Nella sua crescita artistica, Briga accosta testi sentimentali e melodie caratterizzate per lo più dall’utilizzo della chitarra ed altri strumenti musicali – il brano Sei di mattina ne è un esempio lampante – all’autocelebrazione quasi spocchiosa, riprendendo i canoni più rilevanti del rap. Dopo la sua comparsa nel talent, inoltre, non sono mancati i tormentoni estivi – come Baciami – con sonorità tipicamente pop, che hanno diffuso ulteriormente il suo nome in giro per l’Italia.

 

Fasma, al contrario, prende piede nella scena grazie alla pubblicazione del web single Marylin M., pubblicato sotto Wolfk Music nel settembre del 2017, che gli farà totalizzare ben cinque milioni di visualizzazioni su YouTube, espandendosi soprattutto nel pubblico dei giovani romani. Nel 2018, poi, arriva la svolta: dopo aver partecipato con il sopracitato brano al Wind Summer Festival – arrivando vincitore nella gara tra giovani e ricevendo, dunque, accesso alla finale – il 2 novembre esordisce con il suo primo album in studio, curato interamente dall’amico e produttore GG: Moriresti per vivere con me?

Sebbene il disco sia caratterizzato dalla durata molto breve dei brani e da un sapore prematuro che diventa uno spunto per un progetto più grande, è impossibile non notare le influenze di alcuni degli artisti americani più noti: dal defunto XXXTentation – da cui viene preso il mood incattivito soprattutto in Caricotonico – fino ad arrivare a Post Malone – è infatti grazie alla musica di quest’ultimo se Fasma riesce a spingersi oltre i luoghi comuni della trap ed a creare un anello di congiunzione tra le basi elettroniche con sprazzi acustici di questa ed i testi che esprimono solitudine e difficoltà a socializzare più vicino all’emo. Lo stesso rapper ha, infatti, dichiarato di aver iniziato a scrivere verso i tredici anni per problemi di violenza e di considerare quest’album come una rinascita da ciò che era rispetto a prima. C’è però da dire che a Fasma non piace essere etichettato in un unico genere specifico perché – a detta sua – il suo percorso artistico è ancora troppo povero per poter essere catalogato.

 

Si giunge dunque alla conclusione che, nonostante Fasma e Briga possano avere dei punti in comune – come l’utilizzo di strumenti per la composizione delle basi o i testi d’amore dedicati ad un’ipotetica ragazza – viaggiano su due linee parallele: da una parte vi è  l’artista che varia negli stili e negli argomenti delle proprie canzoni, toccando anche sonorità pop e già maturo per il pubblico italiano; dall’altra vi è un giovane ragazzo che si affaccia sul mondo della musica con un bagaglio carico di rabbia, voglia di rivalsa e liberazione, pronto a prendersi ciò che gli spetta.

 

 

Tag: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici