• Fine primo tempo: la partita di Egreen non è ancora finita

    Fine primo tempo: la partita di Egreen non è ancora finita

    Venerdì 21 febbraio è uscito Fine Primo Tempo, ultima fatica di Egreen. Al disco, il quinto ufficiale del rapper di Busto Arsizio, si è arrivati dopo un periodo di polemiche iniziate con l’annuncio della firma con Sony e incendiate dal primo singolo estratto, Ho Sbagliato.

    Leggi tutto...

  • Discovery Album: Fino A Qui Tutto Bene

    Discovery Album: Fino A Qui Tutto Bene

    Per l’appuntamento settimanale con Discovery Album abbiamo deciso di parlarvi di Fino A Qui Tutto Bene, album di Marracash uscito probabilmente nel momento sbagliato e per questo non apprezzato a dovere.

    Leggi tutto...

  • Che io mi aiuti: Bresh ha retto da solo il peso dell’oceano

    Che io mi aiuti: Bresh ha retto da solo il peso dell’oceano

    La Liguria, da qualche anno, è diventata una regione che ha saputo imporsi con grande vigore al centro della scena rap nostrana. Dall’estremo occidente dell’Italia una giovanissima generazione ha saputo rompere l’egemonia che da due decenni dominava il genere nella penisola, dominio presidiato da Milano, Roma, Napoli, Torino e Bologna. Queste città hanno da sempre funto da centri di formazione e catalizzatori per i rapper di ogni dove, come grandi dojo separati in cui affinare le proprie abilità.

    Genova, dal canto suo, ha sempre fornito al nostro paese la più grande scuola di cantautorato e forse l’impronta musicale più riconoscibile dello stivale, dentro e fuori i confini nazionali.

    Leggi tutto...

  • MULA EP: l’amore che dura poco

    MULA EP: l’amore che dura poco

    Il 2018 fu un anno di ricerca per Giaime: l’obiettivo era trovare una formula giusta per riuscire a sfondare le porte del mainstream italiano. I successi di TIMIDO e FINCHÈ FA GIORNO e il parziale flop delle due prove di GIMMI ANDRYX 2018 furono una chiara risposta ai dubbi dell’artista: il pubblico preferiva ascoltare il lato più romantico del rapper milanese.
    L’anno successivo è stato quello della conferma: FIORI e MI AMI O NO, certificate disco d’oro, contano ad ora più di venti milioni di streaming su Spotify.
    Arriviamo quindi a MULA, un EP di cinque tracce che rappresenta il culmine del percorso intrapreso due anni prima.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Fila rilancia le DSTR97

Fila rilancia le DSTR97

Negli ultimi tempi stiamo vedendo tornare alla ribalta numerosi trend che hanno fatto la storia degli anni 90: immancabile ora, come vent’anni fa la presenza di FILA che ha rilanciato le DSTR 97.

FILA è sicuramente uno dei streetwear brand che ha da sempre accompagnato l’immaginario hip hop non sono nel vestiario ma anche nei testi.

Da Scholly D che nel 1986 pubblicava il pezzo Put Your Filas On, a Fabri Fibra che oltre a nominare il marchio originario di Biella ha collaborato per creare una mini capsule collection di quattro pezzi proprio per celebrare il rapporto tra il brand e l’hip hop.

FILA ha fatto un grosso comeback nelle ultimi stagioni grazie a diversi trend che, in modo circolare, sono tornati: la logomania che ha quasi imposto a qualsiasi casa produttrice di avere almeno un capo con il proprio logo ben visibile e le silhouette degli anni 90.

Siamo andati all’evento realizzato per l’occasione del lancio della sneaker al Superstudio Più in via Tortona a Milano conclusosi con l’esibizione live dei Tauro Boys.

FILA DSTR97

Cogliendo la palla al balzo e allo stesso tempo innovandosi e accostandosi alla tendenza del Racing tornata in voga nelle ultime collezione mondane, il 31 Gennaio 2019 FILA ha rilanciato le sneaker DSTR97: scarpa caratterizzata un mix originale di tutte le tendenze di cui abbiamo citato fino ad adesso.

Un tuffo negli anni 90 / inizio duemila è stato fatto grazie alla silhouette che rimanda senza battito di ciglia all’originale forma della sneaker caraterizzata soprattutto dalla suola alta, il logo non è presente solo in una posizione ma lo troviamo sia sul tallone, sia sui lati che su tutto il profilo della scarpa.

A completare il concept di questa sneaker ci pensa la tendenza del racing sviluppata soprattutto nella campagna pubblicitaria.

Le sneaker sono acquistabili in retail selezionati al prezzo di €120 e per il momento sono disponibili solo in Europa e con sole due colorazioni: White/gray violet e White/navy.

Per questa campagna non ci sono solo scarpe: è stata presentata una capsule composta da waist bag, cap e tshirt.

Il ritorno di FILA sviluppatosi anche grazie alle collaborazioni con Gosha e Fendi, ha fatto piano piano rispolverare o comprare almeno un prodotto del brand occupando un posto nei nostri armadio nelle nostre scarpiere: questa release riuscirà ad eguagliare o superare il successo avuto con le Disruptor II?

Presentarle inizialmente solo nel continente europeo può essere una strategia per far aumentare la richiesta all’estero?

Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici