• Home
  • I 10 Migliori Beat di Sick Luke

I 10 Migliori Beat di Sick Luke

Sick Luke è un nome che nel 2019 non ha bisogno di presentazioni. L’annuncio dell’intera produzione del nuovo album di Mecna è un ottimo pretesto per chiederci quali siano state, in questi anni, le sue produzioni migliori. Continua a leggere l’articolo per scoprire quali sono i 10 migliori beat di Sick Luke secondo la nostra redazione.

Sick Luke, nel corso di questi ultimi anni, ha approcciato a stili molto diversi tra loro per riuscire ad adattarsi ad artisti altrettanto diversi tra loro, ma ricordiamo tutti come nel suo periodo di “prime” (quello scandito dalle uscite della Dark Trilogy) il suo suono fosse contraddistinto da uno stile ben preciso: produzioni tenebrose con bassi molto potenti in grado di far respirare agli ascoltatori l’odore della trap, ma anche sferzate di avanguardia fino a quel punto mai viste in Italia. Queste caratteristiche gli hanno permesso sin da subito di avere un suono totalmente suo, memorabile e riconoscibile a partire da quel tag leggendario.

Nel periodo in cui la Dark Polo Gang muoveva i suoi primi passi nella scena, Sick Luke curava la maggior parte delle loro produzioni, la sua musica e i testi degli altri membri raccontavano una Roma che sembrava Gotham City, tra piazze di spaccio, soldi sporchi e alta moda. Le sue basi in quegli anni davano un’impronta notturna al pezzo, lo avvolgevano creando un’aura di mistero intorno ad esso, cosa che incuriosiva molto l’ascoltatore, che a quel tempo muoveva i suoi stessi primi passi all’interno di un genere nuovo e inesplorato in Italia. Con l’ascesa del collettivo, le produzioni di Luke iniziano a mutare, non solo suoni cupi e notturni, ma più catchy e hit-driven, più facilmente apprezzabili da un pubblico ormai più grande e meno inserito all’interno del mondo “trap”, come si può notare dagli ultimi lavori con la DPG da Twins in poi.

Luke è stato un vero e proprio pioniere della nuova scuola e delle nuove sonorità della trap in Italia, forse il più importante insieme a Charlie Charles; non solo ha contribuito a far emergere altri giovani grandi nomi come Izi, Tedua o Sfera Ebbasta, ma è riuscito a portare sul suo suono anche artisti affermati da anni come Gué Pequeno, Marracash ed Emis Killa, fino al giorno d’oggi in cui le sue produzioni travalicano il genere, vedasi Stanotte degli Psicologi.

Il 2019 è stato un anno molto prolifico per il producer romano, che parallelamente coltiva anche una carriera da cantante; recentemente è uscito il disco di Marina, fidanzata storica che Luke ha avviato alla musica e plasmato nel suono, curandone tutte le produzioni.

Consapevoli che non metteremo d’accordo nessuno dei nostri lettori, ma divertendoci a giocare con le classifiche, abbiamo stilato la nostra top ten delle sue produzioni, in attesa che Neverland, il nuovo album di Mecna e Sick Luke, faccia il suo debutto.

Ecco la nostra classifica:

10. RSCN (Izi; Pizzicato)

 

9. LATTE DI SUOCERA (Dark Pyrex, Gianni Bismark; The Dark Album)

8. Sportswear (Dark Pyrex, Tony Effe; The Dark Album)

7. Mafia (Dark Side, Tony Effe; Crack Musica)

6. Akureyri (Mecna) 

5. No Snitch Freestyle (Tedua; Orange County California)

4. Che Bello Essere Dark (Dark Polo Gang; Trap Lovers)

3. Oro Giallo (Guè Pequeno, Luchè; Gentleman)

2. Aldilà (Dark Wayne, Tony Effe, Enzo Dong; Succo Di Zenzero)

1. Pesi sul collo (Dark Wayne, Tony Effe; Succo Di Zenzero)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici