• Jaden non è soltanto il figlio di Will Smith

    Jaden non è soltanto il figlio di Will Smith

    Non dev’essere facile costruirsi un’identità propria quando sei il figlio di uno dei personaggi più ricordati e amati della generazione cresciuta tra gli anni ’90 e 2000: un vero e proprio simbolo, un cult di quegli anni. Stiamo parlando di Will Smith, tra le altre cose attore e rapper, e del figlio Jaden, il suo secondo genito.

    Leggi tutto...

  • The Big Day: la gioia di Chance the Rapper non convince

    The Big Day: la gioia di Chance the Rapper non convince

    Lo scorso 26 Luglio Chance The Rapper ha rilasciato il suo album d’esordio The Big Day: un progetto tanto impegnato quanto carico di perplessità.

    Leggi tutto...

  • Genova porta il rap sulla Luna con il GoaBoa Festival

    Genova porta il rap sulla Luna con il GoaBoa Festival

    Il GoaBoa Festival di Genova è giunto quest’anno alla sua 22esima edizione e, come prevedibile, non ha assolutamente deluso le aspettative. Lanciato dallo slogan “GoaBoa sulla Luna“, per celebrare i 50 anni dell’allunaggio e organizzato dall’associazione Psyco, in collaborazione con il Comune di Genova e la Regione Liguria, il festival si è svolto tra il 5 e il 21 luglio, nella bellissima location dell’Arena del Mare, in pieno Porto Antico. Ospiti del festival sono stati artisti di tutti i generi, da Calcutta e Gazzelle, a Steve Hackett e Jethro Tull, passando per Fast Animals and Slow Kids e Carl Brave, fino ad arrivare a Salmo e Izi.

    Leggi tutto...

  • The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

    The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

    Il 26 luglio YBN Cordae ha pubblicato The Lost Boy, il suo primo disco ufficiale, che segue il mixtape della sua crew Young Boss Niggaz del settembre scorso. Non si tratta del suo primo lavoro solista poiché, tra il 2014 e il 2017, il classe ’97 aveva già rilasciato tre mixtape sotto il nome di Entendre.

    Leggi tutto...

  • Home
  • KRIT iz Here: il re è qui per restare

KRIT iz Here: il re è qui per restare

Il 12 luglio è uscito il quarto disco ufficiale di Big K.R.I.T.. KRIT iz Here. Il disco arriva due anni dopo il precedente 4eva Is A Mighty Long Time che aveva confermato il talento del ragazzo di Meridian e segnato, finora, il picco della sua carriera.

A questo nuovo disco si arriva con diversi motivi di interesse. Innanzitutto, l’album si pone come un sequel del mixtape del 2010 KRIT Wuz Here e ciò, oltre a strizzare l’occhio ai fan di lunga data, può essere un modo per analizzare l’evoluzione di K.R.I.T. (acronimo di “King Remembered in Time”, ossia “Re Ricordato nel Tempo”) in questa decade. Inoltre, la curiosità riguarda anche la struttura del disco in sé. Nei precedenti dischi ufficiali il rapper del Mississippi aveva sempre regalato buoni dischi ma con un grande difetto: la lunghezza, con alcune tracce che si rivelavano meno forti delle altre. E anche questo disco si espone a questo rischio: diciannove tracce per quasi un’ora di album. Infine, la varietà dei feat che da l’idea di un lavoro che spazia tra differenti influenze.

Per quel riguarda il concept, il disco è pienamente riuscito. Se il tape del 2010 aveva posto Justin al centro delle attenzioni, elevandolo tra le possibili next big thing, il disco di quest’anno invece comunica l’essere diventato grande. Il re è qui, e non se ne andrà facilmente. Questo è il messaggio che pervade tutto il lavoro creando una grande coerenza concettuale fra tracce anche molto diverse fra loro.

Sulla lunghezza, invece, il rapper del sudest scivola ancora una volta. Il disco è sul solco dei precedenti, buoni lavori che non sono ottimi per via di pezzi meno incisivi. Non si tratta di pezzi filler, riempitivi, ma di tentativi di sperimentare nuovi sound e stili che non calzano perfettamente con l’attitudine di Krit. Per essere più chiari, non ci sono brani brutti ma alcuni meno riusciti di altri. Comunque, va detto, rispetto ai precedenti lavori questo limite è molto meno accentuato. La strada è quella giusta, testimoniando una crescita artistica di gran livello. Dato che questi pezzi meno incisivi non sono, come detto, dei filler ma sperimentazioni risulta difficile dire quali siano per un semplice motivo: alcuni apprezzeranno determinati brani, altri ne preferiranno di diversi.

Questo punto numero due si lega inevitabilmente al terzo: i feat. Presi singolarmente sono tutti molto validi e non ci si aspetterebbe di meno da gente come Lil Wayne, J. Cole e Rico Love. Semplicemente sono molto diversi fra loro e in questo entrano in gioco i produttori che, con un ottimo lavoro, quasi azzerano le scollature dovute agli stili differenti dei partecipanti a KRIT iz Here. Tra i producer, i più presenti sono lo stesso Rico in quattro tracce e Danja in tre.

Un elemento che traspare fortemente dal disco, che ne accentua la validità, è il divertimento. Dalle tracce si sente fortemente quanto Krit si sia divertito e abbia tratto piacere da questo lavoro e questo viene trasfuso anche all’ascoltare. E forse è questo l’elemento che rende questo disco il migliore della carriera di Justin. Aldilà dei già accennati limiti, questo aspetto di godimento dell’artista riesce ad appianare maggiormente i difetti insiti nel progetto.

KRIT iz Here è il miglior disco di Big K.R.I.T., un disco divertito e divertente che colma alcune delle lacune insite in sé. Un po’ come quei ragazzi non belli ma con fascino. A ciò va ad aggiungersi un merito nel difetto: Justin non ha paura di mettersi in gioco, di sperimentare e mettersi alla prova e farlo nel disco della maturazione è una dimostrazione non indifferente di fiducia in sé stessi.

Tag: , ,


Matteo Merletti

Sono Matteo, ho 23 anni. Se non vi piace ciò che scrivo offritemi un gin tonic e ne parliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici