• Jaden non è soltanto il figlio di Will Smith

    Jaden non è soltanto il figlio di Will Smith

    Non dev’essere facile costruirsi un’identità propria quando sei il figlio di uno dei personaggi più ricordati e amati della generazione cresciuta tra gli anni ’90 e 2000: un vero e proprio simbolo, un cult di quegli anni. Stiamo parlando di Will Smith, tra le altre cose attore e rapper, e del figlio Jaden, il suo secondo genito.

    Leggi tutto...

  • The Big Day: la gioia di Chance the Rapper non convince

    The Big Day: la gioia di Chance the Rapper non convince

    Lo scorso 26 Luglio Chance The Rapper ha rilasciato il suo album d’esordio The Big Day: un progetto tanto impegnato quanto carico di perplessità.

    Leggi tutto...

  • Genova porta il rap sulla Luna con il GoaBoa Festival

    Genova porta il rap sulla Luna con il GoaBoa Festival

    Il GoaBoa Festival di Genova è giunto quest’anno alla sua 22esima edizione e, come prevedibile, non ha assolutamente deluso le aspettative. Lanciato dallo slogan “GoaBoa sulla Luna“, per celebrare i 50 anni dell’allunaggio e organizzato dall’associazione Psyco, in collaborazione con il Comune di Genova e la Regione Liguria, il festival si è svolto tra il 5 e il 21 luglio, nella bellissima location dell’Arena del Mare, in pieno Porto Antico. Ospiti del festival sono stati artisti di tutti i generi, da Calcutta e Gazzelle, a Steve Hackett e Jethro Tull, passando per Fast Animals and Slow Kids e Carl Brave, fino ad arrivare a Salmo e Izi.

    Leggi tutto...

  • The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

    The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

    Il 26 luglio YBN Cordae ha pubblicato The Lost Boy, il suo primo disco ufficiale, che segue il mixtape della sua crew Young Boss Niggaz del settembre scorso. Non si tratta del suo primo lavoro solista poiché, tra il 2014 e il 2017, il classe ’97 aveva già rilasciato tre mixtape sotto il nome di Entendre.

    Leggi tutto...

  • Home
  • The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

Il 26 luglio YBN Cordae ha pubblicato The Lost Boy, il suo primo disco ufficiale, che segue il mixtape della sua crew Young Boss Niggaz del settembre scorso. Non si tratta del suo primo lavoro solista poiché, tra il 2014 e il 2017, il classe ’97 aveva già rilasciato tre mixtape sotto il nome di Entendre.

Nel già citato YBN: the Mixtape, la new entry della crew nata nelle chat di GTA aveva dimostrato un discreto talento e da questo disco ufficiale ci si aspettava una conferma delle aspettative. Aspettative aumentate con i singoli anticipatori del progetto: Have Mercy è un inno all’inizio di una nuova vita, in cui si può cogliere l’influenza della visione musicale di Chance the Rapper, che compare nell’estratto successivo, Bad Idea, sulla produzione di Bongo, dove i due rapper parlano degli alti e bassi della vita; il terzo ed ultimo inciso, RNP (Rich Nigga Problems), featuring con Anderson .Paak prodotto da J. Cole è, invece, il contraltare del primo singolo: un brano esaltato ed esaltante sul godimento dell’evoluzione presa dalle loro vite.

 

I tre estratti danno un’immagine riassuntiva del primo disco del ragazzo del Maryland, il cui concept principale può essere identificato nella parola redenzione. Una redenzione tramite la musica, in parte raggiunta e in parte ancora da raggiungere. Nightmares are Real, il featuring con sua maestà Pusha T – che in questo 2019 sta regalando una serie magnifica di collaborazioni – delinea perfettamente la consapevolezza che questa redenzione sia ancora un obiettivo da raggiungere. Cordae sa anche che la sua ispirazione non può essere raggiunta da solo, senza aiuti, come chiarisce in Family Matters – che vanta la presenza di Arin Ray, cantante di Cincinnati – nella quale Entendre ringrazia coloro che gli sono stati vicini. Altro feat del disco è con Meek Mill, forse il migliore fra i collaboratori, in We Gon Make It: Cordae e il rapper di Filadelfia realizzano un anthem motivazionale, invitando l’ascoltatore a non farsi intrappolare i propri sogni.

 

Tutto questo viene esaltato dalla componente produttiva. I vari Bongo, J. Cole, Cardiak, Kid Culture riescono a creare un’atmosfera coerente e coinvolgente che esalta il rappato di Cordae e degli ospiti, senza mettere le performance dei cerimonieri in secondo piano. Va sottolineato che ciò è possibile anche grazie all’abilità dei rapper: per esempio, la produzione di Cole nella già citata RNP rischierebbe di mettere in ombra chiunque, invece Paak ed Entender riescono a destreggiarsi perfettamente.

 

The Lost Boy è un grandioso disco di debutto, in cui YBN Cordae non solo conferma le grandi aspettative che gravavano su di lui, ma riesce anche a superarle, concependo un disco maturo ma divertente che in quindici tracce riesce a soddisfare le aspettative e le aspirazioni ed a scacciare i timori del ventiduenne, che non sfigura mai nel confronto con gli ospiti di grande livello.

Tag: , ,


Matteo Merletti

Sono Matteo, ho 23 anni. Se non vi piace ciò che scrivo offritemi un gin tonic e ne parliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici