Tag: Murubutu

rancore

Direttamente da Facebook, sotto la categoria “Genere”, compare la dicitura HHH: ovviamente non stiamo parlando del celebre wrestler Triple H, ma di Tarek Iurcich, in arte Rancore. Hermetic Hip Hop, questo significa HHH, in italiano hip-hop ermetico. L’ermetismo, letterariamente parlando, indica uno stile di scrittura dal carattere chiuso (da chiusura ermetica appunto) e volutamente complesso, in genere ottenuto attraverso una serie di analogie e rimandi intrecciati. L’HHH ha dato un carattere particolarmente distintivo al rapper romano, dal quale ormai nessuno è più capace di aspettarsi testi di facile lettura, tuttavia nell’ultimo periodo il prima citato ermetismo si sta impossessando anche della sua persona, facendolo scivolare nel dimenticatoio.

Continue reading

Nel diciannovesimo secolo le parole del noto poeta maledetto Charles Baudelaire erano viste come assolutamente fuori luogo e scandalose. Una realtà estremamente vicina a ciò che accade attualmente con il rap: l’associazione “rapper = fallito” è più diffusa che mai – anche a causa della scarsa credibilità di chi viene etichettato dai media come “rapper”, essendo in realtà… Solo un burattino.

Continue reading

 

Quando si parla di rapper spesso e volentieri si sfocia nel clichè del ragazzino di strada ignorante e millantatore di una solida e concreta street credibilty. Ultimamente però questa visione sta scemando per lasciare spazio all’immagine del rapper come mezzo di diffusione di cultura.

Continue reading

“I Basquiat, i Warhol mi fanno da muse” è solo uno dei numerosissimi riferimenti all’arte pittorica, tanto citata nel mondo dell’hip hop. Queste sono le parole di Jay-Z, ma sono molti i rapper che hanno ammesso di essersi ispirati a Basquiat in particolare, tra i quali J. Cole, A$AP Rocky e Busta Rhymes. Sempre Jay-Z, in Picasso Baby, rappa “Spray everything like SAMO”, che era appunto la tag di Basquiat.

Continue reading

Seguici