• Home

Se il PIL si misurasse con la diffusione della cultura Hip Hop, l’Italia sarebbe il Burundi. Abbiamo solo da poco imparato a digerire la dialettica di questa musica, e a malapena ci orientiamo nella distinzione tra i suoi diversi sottogeneri. Superata l’adolescenza, come italiani guardiamo con sospetto ad ogni espressione artistica che non si inserisca nel rassicurante solco della tradizione cantautorale del secondo Novecento.

Continua a leggere

Seguici