• My Love Lockdown e il sole di mezzanotte: intervista a Sina

    My Love Lockdown e il sole di mezzanotte: intervista a Sina

    In occasione della pubblicazione del progetto My Love Lockdown (Midnight Sun) abbiamo intervistato Sina, un giovane emergente che sembra sempre più vicino ad irrompere nella Serie A del rap italiano. Origine sarda, un importante bagaglio di esperienza musicale alla spalle e tanta voglia di farsi capire e ascoltare. Di seguito trovate la nostra chiaccherata con lui.

    Clicca sulla cover per ascoltare “My Love Lockdown (Midnight Sun)” su Spotify

    Leggi tutto...

  • L’FSK STUPISCE ANCORA

    L’FSK STUPISCE ANCORA

    FSK TRAPSHIT è stato senza dubbio uno dei dischi protagonisti dell’annata scorsa. Un manifesto senza censura, sfacciato e sporco di lean che ha portato nelle cuffiette degli ascoltatori la peculiare visione della musica trap dell’FSK. Il trio lucano si è fatto strada a banger quali LA PROVA DEL CUOCO e NO SNITCH, prima di sfondare il portone del mainstream grazie ad ANSIA NO, conclamatissima hit da club presente nell’edizione deluxe dell’album d’esordio.
    Dopo aver rilasciato il singolo SETTIMANA AL CALDO, il gruppo è tornato in pista con un nuovo progetto. Saranno riusciti a sorprendere di nuovo?

    Leggi tutto...

  • Vaz Tè ha mantenuto tutte le promesse

    Vaz Tè ha mantenuto tutte le promesse

    Un noto adagio recita che l’importante non è la destinazione, ma il viaggio. È un motto che pone l’attenzione sul percorso che compiamo verso una determinata azione o obiettivo e su come sia il modo tramite il quale lo compiamo a farci crescere, e non il risultato raggiunto.
    Spesso però bisogna avere il coraggio di ribaltare questa prospettiva poichè un pellegrinaggio troppo lungo rischia di far perdere di vista ciò che è più importante, ossia il punto d’arrivo. Un viaggio è veramente grande solo in virtù del risultato conseguito, così come una storia entra nel mito a seconda di come si conclude.
    La storia di cui si parla in questo articolo dura quasi 4 anni: inizia ufficialmente il 2 dicembre 2016 per concludersi il 4 settembre 2020, e al centro c’è un disco il cui nome che era già culto ancora prima di vedere la luce: VT2M.

    Leggi tutto...

  • Detroit 2 è l’apice della carriera di Big Sean

    Detroit 2 è l’apice della carriera di Big Sean

    Il 4 settembre Big Sean ha rilasciato il suo quinto disco ufficiale, Detroit 2, sequel del mixtape del 2012. L’album segna il ritorno sulle scene del protégé di Kanye West dopo quasi tre anni quando, nel giro di pochi mesi, aveva rilasciato prima il suo quarto disco, I Decided., e poi il joint album con Metro Boomin, Double or Nothing.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Discovery Album: Guilty

Discovery Album: Guilty

La nuova puntata di Discovery Album è dedicata ad uno dei dischi più importanti della carriera di Noyz Narcos: Guilty, rilasciato il 29 gennaio 2010. Terza fatica ufficiale per il rapper romano, il background che caratterizza Guilty è molto più particolare rispetto agli altri dischi firmati doppia N.

Pochi mesi prima infatti, diversi componenti del Truceklan, tra cui lo stesso Noyz e Chicoria, erano stati indagati e messi in prigione dalla polizia di Roma, notizia poi in parte smentita dall’etichetta Propaganda Records. Gli eventi hanno influenzato in buona parte il disco, che fin dal titolo, Guilty – colpevole – si erge polemicamente sui fatti raccontati in precedenza.

Non è un caso infatti che il disco abbia tinte molto più introspettive e riflessive rispetto ai lavori passati; tuttavia, la matrice hardcore e horrorcore tipica dello Zombie Bianco continua ad essere presente ed è declinata in maniera differente in confronto soprattutto a Non dormire e Verano Zombie. Guilty si presenta quindi come un disco più personale di quanto non sembri, di forte denuncia sociale, e di intenso sfogo verso tutto ciò di negativo che circonda l’esistenza di Noyz.

Le collaborazioni sono tutte di alto livello: Noyz chiama a rapporto i Club Dogo, Marracash, Fabri Fibra, i compagni di collettivo Chicoria, Duke Montana, Metal Carter e Cole – oltre al rapper statunitense Necro, pilastro della scena hardcore e underground oltreoceano, autore dell’intro del disco. Le produzioni sono assegnate per la maggior parte delle tracce al fidato Sine, bravo a dare al disco un sound martellante, coinvolgente e omogeneo.

Come detto, Noyz riesce a fondere in questo disco la sua marcata e immancabile attitudine hardcore con uno sguardo dentro sè stesso e alle sue sensazioni. Guilty è una tappa importante nella carriera di Noyz, perché questo album presenta una maggiore varietà di argomenti e tematiche trattati con occhi e parole differenti rispetto al passato. E’ un Noyz diverso quello che in Nel teschio afferma di voler rifare tutto quello che ha fatto e di aver iniziato a rappare solo per cercare delle valvole di sfogo, quello che in Sepolti vivi – assieme ad un ispiratissimo Nex Cassel – rappa della situazione delle carceri e delle falle nel sistema giudiziario italiano, quello che nella title track sintetizza le esperienze peggiori della sua vita e dei suoi amici, con una sensibilità unica, quella di chi ha fatto tanta vita di strada e ha visto praticamente di tutto.

La musica di Guilty non è però solo questo, è anche musica per sordi, per balordi, musica pe’ i sordi: il disco si basa proprio sulla potenza espressiva, sia liricamente sia musicalmente, di tutti i brani e tutto questo è reso possibile anche dalla fantastica delivery di Noyz, che in alcuni casi copre alcune imprecisioni metriche e dona una marcia in più al flow serrato e ricco di incastri che possiamo apprezzare per tutta la durata del disco. Tra le 14 tracce che compongono il disco, troviamo i veri e propri street anthem della carriera di Noyz, quali M3, Sotto indagine e soprattutto Zoo de Roma, pezzi crudi nel sound e nelle liriche, meritatamente tra i più popolari e apprezzati del rapper di Centocelle.

E’ proprio Zoo de Roma a meritare un capitolo a parte: qui Noyz rappa senza filtri i mali della gente sua, denuncia la pessima amministrazione della città di Roma ed esprime nel modo più violento e sincero possibile tutto il suo odio verso lo Stato, uno Stato che porta i suoi fratelli e la sua gente a rapinare, a seguire una vita al limite e a mettere in gioco tutto per continuare a vivere, motivi per cui lo stesso rapper avverte gli ascoltatori di non provare a seguire questa vita.

Non provare ad esser noi, volete fa gli eroi
Non provare ad esser Noyz, finisci lost boy
Non seguire la mia strada, secco don’t follow
Ne sbagli una dopo n’altra e te ritrovi solo

Guilty ha segnato così un momento importante nella carriera del rapper romano che, prima dell’uscita di Enemy l’anno scorso, è riuscito a realizzare quello che è il disco più equilibrato, scritto e rappato meglio della sua carriera, un lavoro dall’anima street e dall’impostazione hardcore, ricco di hit che sbattono in faccia la nuda e creda realtà, come Noyz ha sempre fatto nel corso degli anni.

Tag: , ,


Jacopo Gotti

Jacopo Gotti

Ho 22 anni, sono genovese e sono innamorato della musica. Forse un po' troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici