• Tha Supreme a XFactor: il peso dell’hype

    Tha Supreme a XFactor: il peso dell’hype

    Giovedì 5 Dicembre è andata in onda la semifinale della tredicesima edizione di XFactor Italia: tra gli ospiti della serata si è esibito (è questo il termine giusto?) anche Tha Supreme, portando sul palco del talent una performance di Blun7 a Swishland realizzata con l’ausilio di un ologramma, che paradossalmente è stata più apprezzata dagli spettatori più anziani del talent che non dal pubblico della scena rap italiana.

    Leggi tutto...

  • Juice WRLD è morto a 21 anni

    Juice WRLD è morto a 21 anni

    Una notizia che non avremmo mai voluto dare è purtroppo diventata realtà questo pomeriggio: Juice WRLD, a soli 21 anni, è morto.

    Leggi tutto...

  • WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    Il 29 novembre è uscito WWCD, il primo joint album della crew Griselda, composta da Westside Gunn, Conway the Machine e Benny the Butcher. L’acronimo del titolo significa “What Would ChineGun Do”, una barra che ritorna nelle tracce del disco come nella strofa di Westside in Scotties e nell’outro di May Store realizzato dalla storica collaboratrice Keisha Plum. Per i tre rapper di Buffalo si tratta del coronamento di un percorso che li ha portati in tre anni a firmare per la Shady Records di Eminem ed a collaborare con leggende della scena rap statunitense – da Ghostface Killah a Pusha T.

    Leggi tutto...

  • Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio è il primo disco dei due membri meno sotto i riflettori della Lovegang: Ugo Borghetti ed Asp126. Il concept, però, non si basa solo su birre ed amari sorseggiati nei bar di Trastevere, anzi, si presenta molto più profondo di quanto si possa pensare.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Discovery Album: Lil Uzi Vert vs The World

Discovery Album: Lil Uzi Vert vs The World

Per la nuova puntata di Discovery Album nuova tappa in America per parlare di Lil Uzi Vert vs The World, il secondo progetto ufficiale datato 2016 del nanetto più famoso di Philadelphia. Per capire la potenza di questo progetto è sufficiente pensare al fatto che, prima della sua pubblicazione, Lil Uzi Vert fosse praticamente un Signor Nessuno; con sole 9 tracce e per giunta senza featuring è riuscito a catapultarsi nel mainstream arrivando oggi ad avere tra le mani uno degli album più attesi di sempre nel mondo del rap.

Innanzitutto Lil Uzi Vert vs The World non è solo il manifesto della musica di Uzi: è il manifesto di tutta la nuova corrente musicale immediatamente successiva all’innovazione portata dalla trap più cruda di Chief Keef e quella più cupa e melodica di Future. Questo mixtape rappresenta in tutto e per tutto il cambio generazionale degli ascoltatori di rap, tra quelli che possono essere definiti come “puristi” e la millennial generation; risulta essere quasi una dichiarazione di guerra al tiranno del “real hip hop”: una guerra che, se da un lato è combattuta con metriche e liriche ricercate, dall’altro usa come armi uno smodato ricorso all’autotune e testi poco impegnati sostenuti da melodie incredibili.

Sebbene le 9 tracce siano tutte diverse tra loro, c’è una coerenza generale di fondo che lega tutti i brani del tape rendendolo un unico viaggio da percorrere dall’inizio alla fine. Questo è imputabile alla grande musa ispiratrice di LUV: Brittany, la sua storica e (attualmente) ex fidanzata. In questo disco sono raccontati raccontati gli alti (Team Rocket) e bassi (You was right) della loro relazione in una serie di montagne russe che oscillano tra good e sad vibes.

Non mancano ovviamente le tracce più spensierate e divertenti, prima tra tutte Money Longer, la hit che l’ha reso famoso in tutta America. Questa traccia (con il suo video) dal forte profumo di estate 2016, esattamente il periodo di svolta nel modo di fare rap in USA come in Italia, ha proprio tutte le caratteristiche esposte in precedenza, e non solo. Visual con mille colori, autotune a palla, testo frivolo, balletti improbabili, armi, macchinoni e un beat che sembra arrivare da un altro pianeta. Tutto ciò ha fatto sì che questo diventasse un vero e proprio pezzo-icona di quella che è possibile chiamare “l’era del cambiamento”.

La copertina dell’album è ispirata a Scott Pilgrim, un manga giapponese dal quale è stato tratto un film dal nome, appunto, “Scott Pilgrim vs The World”. Quando si parla di millennial generation si intende proprio questo: in LUV vs The World si trovano una serie di riferimenti a tutta la cultura manga del mondo giapponese e a vari cartoni animati, i quali non solo riflettono passioni di un pubblico prettamente più giovanile, ma creano anche un nuovo immaginario nel mondo del rap, una novità nel modo di fare musica che, tra beat e lyrics, si focalizza maggiormente sul trasportare gli ascoltatori in un mondo a parte più divertente, leggero e musicale. Il brano che più rappresenta questi concetti è sicuramente Ps & Qs: nel video di questa canzone si vede Uzi in un mondo a metà tra realtà e fantasia che a tratti dievnta un vero e proprio fumetto giapponese.

Tag: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici