• Il disco postumo di Mac Miller è destinato a diventare un classico

    Il disco postumo di Mac Miller è destinato a diventare un classico

    Quando il 7 settembre 2018 si diffuse la notizia della morte di Mac Miller – causata da un’overdose accidentale – il dolore per la scomparsa di questo artista non colpì solamente i fan del rap, ma coinvolse un pubblico decisamente più ampio, a testimonianza di come la sua musica riuscisse a toccare i fan dei più svariati generi, grazie ad uno stile elaborato che esplorava trasversalmente rap, funk, jazz e rock, proponendo un’importante componente strumentale, spesso curata personalmente dallo stesso Mac – rinomato pluristrumentista.

    Leggi tutto...

  • Il 2020 di Tredici Pietro inizia con “Vestiti D’Odio”

    Il 2020 di Tredici Pietro inizia con “Vestiti D’Odio”

    Il giovane Morandi sorprende ancora una volta, trovando una collaborazione che mette in luce le sue capacità vocali e l’abilità nella sperimentazione musicale, uscendo dai propri schemi con un pezzo romantico e sonoramente pop al punto giusto.

    Leggi tutto...

  • Discovery Album: Danger

    Discovery Album: Danger

    Il primo lustro degli anni Dieci, in fattispecie il periodo 2011-2014, ha visto l’ascesa e l’affermazione della Machete Crew, collettivo fondato da Salmo, En?gma, El Raton e DJ Slait.
    Il grande merito del gruppo è stato quello di attirare l’attenzione dei giovani per la musica rap in un momento di forte stallo all’interno della scena. L’aver mischiato le sonorità hip-hop a quelle della dubstep, proponendo una tipo di rap molto aggressivo, e trasposto il proprio materiale con dei video di ottima qualità e col tempo divenuti iconici, è stata la chiave del loro successo.
    Il 2013 è stato testimone di due progetti targati Machete piuttosto interessanti: Midnite e Danger. Nel Discovery Album di oggi ci occuperemo dell’album d’esordio di Nicola Alberi, in arte Nitro.

    Leggi tutto...

  • Viaggio dentro i Guai di Mandark

    Viaggio dentro i Guai di Mandark

    La scena rap italiana su Soundcloud è una delle realtà più interessanti del nostro paese. Trascinata da un folto gruppo di giovanissimi artisti, ha tutte le carte in regole per assumere una forte rilevanza all’interno del panorama musicale del rap italiano. Tra i nomi più in vista e decisi a fare il grande salto c’è senza dubbio Mandark, nativo di Roma, che dopo una serie di singoli e collaborazioni di successo su Soundcloud, ha pubblicato l’8 gennaio scorso su Spotify Guai, il suo primo EP.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Kodak Black rischia 10 anni di carcere

Kodak Black rischia 10 anni di carcere

Secondo quanto riportato da XXL, Kodak Black è di nuovo nei guai. Il rapper, recentemente tornato alle cronache per essere stato arrestato prima dell’esibizione al Rolling Loud lo scorso 11 Maggio, sarebbe accusato di aver deliberatamente dichiarato il falso in due occasioni per acquistare un’arma da fuoco presso un rivenditore in Hialeah, Florida. Per questo reato Kodak rischia ben dieci anni di prigione.

Nello specifico, l’artista avrebbe falsificato l’apposito modulo obbligatorio per la detenzione legale di armi: nella sezione dove si chiede se il soggetto sia sotto accusa per eventuali crimini, il rapper ha asserito di non aver mai compiuto alcun reato. Così facendo ha omesso il processo per violenza sessuale al quale era stato sottoposto nel 2016. L’arresto è avvenuto proprio mentre l’artista si stava recando per esibirsi presso il “Rolling Loud festival”, che si sarebbe tenuto a Miami. Oltre ai probabili anni di prigione, Kodak Black incorrerà anche in una multa di 250.000 dollari e tre anni di libertà vigilata.
Nella giornata di oggi il rapper affronterà l’udienza per il pagamento della cauzione.

Non è un periodo felice per il giovane rapper: un mese fa, il 18 Aprile, era stato rilasciato dietro il pagamento di un’onerosa cauzione dopo l’arresto al confine con il Canada per possesso di marijuana e detenzione illegale di arma da fuoco (Glock 9mm), entrambi reati federali e statali.

Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici