• My Love Lockdown e il sole di mezzanotte: intervista a Sina

    My Love Lockdown e il sole di mezzanotte: intervista a Sina

    In occasione della pubblicazione del progetto My Love Lockdown (Midnight Sun) abbiamo intervistato Sina, un giovane emergente che sembra sempre più vicino ad irrompere nella Serie A del rap italiano. Origine sarda, un importante bagaglio di esperienza musicale alla spalle e tanta voglia di farsi capire e ascoltare. Di seguito trovate la nostra chiaccherata con lui.

    Clicca sulla cover per ascoltare “My Love Lockdown (Midnight Sun)” su Spotify

    Leggi tutto...

  • L’FSK STUPISCE ANCORA

    L’FSK STUPISCE ANCORA

    FSK TRAPSHIT è stato senza dubbio uno dei dischi protagonisti dell’annata scorsa. Un manifesto senza censura, sfacciato e sporco di lean che ha portato nelle cuffiette degli ascoltatori la peculiare visione della musica trap dell’FSK. Il trio lucano si è fatto strada a banger quali LA PROVA DEL CUOCO e NO SNITCH, prima di sfondare il portone del mainstream grazie ad ANSIA NO, conclamatissima hit da club presente nell’edizione deluxe dell’album d’esordio.
    Dopo aver rilasciato il singolo SETTIMANA AL CALDO, il gruppo è tornato in pista con un nuovo progetto. Saranno riusciti a sorprendere di nuovo?

    Leggi tutto...

  • Vaz Tè ha mantenuto tutte le promesse

    Vaz Tè ha mantenuto tutte le promesse

    Un noto adagio recita che l’importante non è la destinazione, ma il viaggio. È un motto che pone l’attenzione sul percorso che compiamo verso una determinata azione o obiettivo e su come sia il modo tramite il quale lo compiamo a farci crescere, e non il risultato raggiunto.
    Spesso però bisogna avere il coraggio di ribaltare questa prospettiva poichè un pellegrinaggio troppo lungo rischia di far perdere di vista ciò che è più importante, ossia il punto d’arrivo. Un viaggio è veramente grande solo in virtù del risultato conseguito, così come una storia entra nel mito a seconda di come si conclude.
    La storia di cui si parla in questo articolo dura quasi 4 anni: inizia ufficialmente il 2 dicembre 2016 per concludersi il 4 settembre 2020, e al centro c’è un disco il cui nome che era già culto ancora prima di vedere la luce: VT2M.

    Leggi tutto...

  • Detroit 2 è l’apice della carriera di Big Sean

    Detroit 2 è l’apice della carriera di Big Sean

    Il 4 settembre Big Sean ha rilasciato il suo quinto disco ufficiale, Detroit 2, sequel del mixtape del 2012. L’album segna il ritorno sulle scene del protégé di Kanye West dopo quasi tre anni quando, nel giro di pochi mesi, aveva rilasciato prima il suo quarto disco, I Decided., e poi il joint album con Metro Boomin, Double or Nothing.

    Leggi tutto...

  • Home
  • $uicideBoy$: anche oggi mi ammazzo domani

$uicideBoy$: anche oggi mi ammazzo domani

Dopo una discografia che conta all’attivo una miriade di ep, alcuni mixtape e un album ufficiale, i $uicideboy$ inaugurano il loro 2019 artistico con la pubblicazione di Live Fast Die Whenever, ep di 6 tracce anticipato dall’uscita dei due singoli, nothingleftnothingleft e Aliens Are Ghosts.

Scott Acenaux Jr e Aristos Petreou, conosciuti rispettivamente come $crim e Ruby da Cherry (ma non solo: i due sono riconosciuti anche con una ventina di altri alter-ego) sono due cugini di New Orleans che, dopo diverse esperienze concluse con un nulla di fatto che ne hanno determinato una vita piuttosto fallimentare, decidono di darsi un’ultima possibilità: intraprendere un percorso che se non avesse portato entrambi al successo entro i 30 anni li avrebbe costretti al suicidio. Nascono così i $uicideboy$, un patto di sangue con in palio la vita o la morte.

È forse proprio il fattore last chance che ha determinato il buon esito del progetto $uicideboy$; l’11 aprile di quest’anno $crim ha compiuto 30 anni, ma il successo del duo è ormai già da molto tempo chiaro a tutti, anche fuori dagli Stati Uniti, tant’è che c’è stato un netto cambio di tendenza nel modo di fare musica dei due, segno che probabilmente non era più questione di vita o di morte. Il 2018 è stato l’anno di I Want to Die in New Orleans, il primo album ufficiale nonché unico progetto rilasciato nel corso dell’anno, a differenza degli anni precedenti, in cui venivano pubblicati molti ep e mixtape.

Per il 2019 invece i due hanno deciso di andare oltre, di sperimentare qualcosa di nuovo, di innovarsi: un desiderio che li porta a lavorare a Live Fast Die Whenever, l’ep che ha fatto parlare di sé prima della pubblicazione soprattutto per la presenza, lungo tutta la, seppur breve, durata del progetto, di Travis Barker, il famigerato batterista dei Blink182, che ha curato insieme ai $uicideboy$ le produzioni e in alcune tracce ha anche suonato la batteria. Quello che non tutti sanno è che per le strumentali di tre tracce, il duo ha potuto contare anche sull’apporto di Munky, lo storico chitarrista dei Korn, band metal della California.

 

Live Fast Die Whenever non è infatti un progetto influenzato dalle sonorità pop punk tipiche dei Blink, come molti fan potevano aspettarsi dopo l’annuncio di quello che si presenta come un joint album con Travis Barker. L’immaginario artistico tetro dei $uicideboy$ si sposa con le caratteristiche di entrambi i musicisti per la creazione di un lavoro che segna un’evoluzione nel percorso artistico del duo di New Orleans, che mai si erano spinti verso dei suoni così tanto influenzati dal metal. Scott Aceneaux Jr e Aristos Petrou, riprendono le tematiche ricorrenti in tutta la loro discografia, come la morte e tutto ciò che ci ruota attorno, ma le rivisitano in una chiave musicale che permette all’ascoltatore di sentirsi ancora più vicino alla rabbia e al dolore del duo, sentimenti che nonostante il successo raggiunto, continuano a caratterizzarne i lavori.

L’ep si dimostra un esperimento riuscito con buon esito: i $uicideboy$ mantengono la loro attitudine e si allacciano musicalmente al loro passato, riuscendo però a fare un passo decisivo verso la sperimentazione di un suono ben più ricco e costruito rispetto alle strumentali piuttosto basilari, seppur ben funzionali al loro stile, alle quali ci avevano abituato negli anni, seguendo la tendenza che sta piano piano riportando la musica suonata ad avere un ruolo importante nelle produzioni hip hop.

Probabilmente da un punto di vista musicale potevano essere sfruttati più a fondo Travis Barker e Munky, ma questo avrebbe presumibilmente portato lo stile dell’ep troppo distante rispetto agli standard dei lavori precedenti dei due cugini, che confermano con questo lavoro il loro successo e accumulano nuovi consensi, allontanando definitivamente l’opzione del suicidio.

Tag: , , , ,


Cristiano Prataviera

Cristiano, 22 anni, do voce alla mia decennale passione per il rap e tutto quello che ci gira attorno. Laureato in Economia, mi sono trasferito da poco a Milano per frequentare il Master in Marketing e Comunicazione della Bocconi e iniziare ad approcciarmi al mondo del mercato discografico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici