• Il 2020 del rap americano è una royal rumble

    Il 2020 del rap americano è una royal rumble

    Erano probabilmente un paio d’anni che la scena rap statunitense non ci regalava un periodo così straripante di uscite di spessore e qualità.

    Leggi tutto...

  • Intervista a Random: il suo primo ep tra Chiasso e Montagne Russe

    Intervista a Random: il suo primo ep tra Chiasso e Montagne Russe

    Emanuele Caso, in arte Random, ha solo 19 anni ma sembra avere già le idee chiare. Montagne Russe è il suo primo ep, uscito da pochissimo, e l’immagine adrenalinica suggerita dal titolo potrebbe rappresentare bene, per analogia, la sua storia con la musica. In Frasi fatte dice di essere solo uno come tanti, ma i numeri dicono tutt’altro: conta già un doppio disco di platino, milioni di stream su Spotify, e videoclip che in pochissimo tempo finiscono tra le prime tendenze di YouTube. Spopola grazie a social come TikTok, e con la recentissima partecipazione ad Amici Speciali consolida, ed amplia, i suoi ascoltatori. Fa parte di quei ragazzi giovanissimi che stanno raggiungendo, in musica, numeri incredibili – Tha Supreme, Anna, Madame, solo per citarne alcuni: la nuova generazione sembra avere una marcia in più, in fatto di originalità artistica e velocità, raggiungendo un pubblico molto vasto in tempi relativamente brevi.

    Leggi tutto...

  • Gemelli: svolta o passo indietro?

    Gemelli: svolta o passo indietro?

    Il doppio. Una figura mitica del tutto identica ad un’altra persona che, spesso, ne incarna il lato oscuro. Un tema ampiamente esplorato nella letteratura – come nel cinema – lungo l’intera storia dell’umanità. Pensiamo all’Anfitrione di Plauto, una delle più classiche commedie degli equivoci, o alla triste vicenda del narcisista Dorian Grey, per non parlare del confuso rapporto tra il protagonista senza nome e Tyler Durden in Fight Club.

    Leggi tutto...

  • La poetica del disagio: Disme racconta le terre dell’introspezione

    La poetica del disagio: Disme racconta le terre dell’introspezione

    Malessere e tormento interiore: Disme racconta la vita cruda che ha vissuto. La terra ligure viene raccontata da un punto di vista del tutto singolare. In collaborazione con Futura 1993 ecco l’intervista all’artista spezzino di casa Golpe che sta lasciando una nuova impronta nella musica rap.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Discovery Album: Yeezus

Discovery Album: Yeezus

Per la quarta puntata di “Discovery Album” abbiamo deciso di consigliarvi Yeezus di Kanye West: un’opera rumorosa, tracotante, cupa e fortemente critica; un dito medio alle corporazioni, all’industria musicale e a chiunque creda di poter controllare Kanye, qui ai massimi del proprio narcisismo.

 

Yeezy season approaching
Fuck whatever y’all been hearing

 

My Beautiful Dark Twisted Fantasy, l’ultimo album solista di Kanye West, era stato studiato per essere il disco perfetto, in modo da rappresentare un metaforico Olimpo artistico; con Yeezus, il rapper di Chicago vuole rompere gli equilibri, distorcendo l’impeccabile effigie dell’ultima fatica; metaforicamente parlando, Yeezy emula le azioni di Ulisse nella Divina Commedia, arrivando ad oltrepassare le Colonne D’Ercole perché spinto da un’irrefrenabile curiosità di esplorare nuovi orizzonti.

Yeezus, in effetti, è un’opera molto poco americana. Il tappeto sonoro che lo contraddistingue ha una componente elettronico-industriale di matrice europea: i Daft Punk, l’inglese Evian Christ e il DJ lionese Gesaffelstein sono solo alcuni dei nomi hanno contribuito alla sua realizzazione. Mentre gli ultimi due hanno messo le mani rispettivamente sull’intensa I’m In It e la club-hit mancata Send It Up, il duo parigino ha avuto ben più spazio.

Le produzioni dei creatori di Harder, Better, Faster, Stronger hanno un ruolo fondamentale, in quanto devono non solo introdurre l’ascoltatore nel caotico mondo di Yeezus, ma pure delineare una cornice che renda al meglio lo status emotivo di Kanye. Dal frastornante beat di On Sight, fino a quello dispotico – e a tratti inquietante – di I Am A God, il disco ostenta in tutto e per tutto la sua indole oscura e furiosa.

Proprio in quest’ultimo brano Kanye pecca di superbia come mai prima d’ora (I Just talk to Jesus/He said “What up, Yeezus?”), complice la consapevolezza dell’artista di essere ormai un punto di riferimento per la cultura mondiale (The only rapper compared to Michael). Dopo essersi elevato a divinità, tuttavia, West rivela di essere un “uomo di Dio”, ammettendo la sua umanità e di fatto contraddicendosi.

I am a God
Hurry up with my damn massage
Hurry up with my damn ménage
Get the Porsche out the damn garage
I am a God
Even though I’m a man of God
My whole life in the hands of God
So y’all better quit playing with God

La verità è che Yeezy sta solo recitando una parte; d’altronde, l’uomo che ha scritto Jesus Walks, e che si è da sempre professato un fedele seguace di Cristo, non avrebbe mai potuto trasformarsi di punto in bianco in uno schizzato edonista. Kanye, perciò, più che un dio interpreta un messia, teatralmente nascosto dietro a una maschera di Margiela, circondato da ninfe e illuminato da un fascio artificialmente divino. Egli predica direttamente ai suoi fedeli presso lo “Yeezus Tour”, donando loro la musica di cui sono veramente bisognosi (He’ll give us what we need/It may not be what we want). Ma il vero senso di questa messa in scena quale sarebbe?

La risposta si cela all’interno di New Slaves, anticipata da un apposito video proiettato su diversi edifici sparsi per il globo e considerabile come la spannung del disco. Yeezus, dall’alto della sua autorità, lancia un’invettiva contro l’intera società, in tutti i suoi volti, dalle corporazioni alle industrie.

 

My momma was raised in the era when

Clean water was only served to the fairer skin

[…]

You see it’s broke nigga racism
That’s that “Don’t touch anything in the store”
And this rich nigga racism
That’s that “Come in, please buy more”

[…]

I know that we the new slaves
I see the blood on the leaves

 

Kanye argomenta la sua tesi aiutandosi con un parallelismo tra la schiavitù nera (provocatamente riportata in vita dalla bandiera confederata presente nel merchandise dell’album) e quella “moderna”, costituita da una generazione prigioniera delle istituzioni consumiste. Un occhio di riguardo va poi all’espressione “Blood On The Leaves”, proveniente da Strange Fruit di Billie Holiday, quest’ultima successivamente campionata nella settimana traccia di Yeezus (per l’appunto, Blood On The Leaves): la società è un albero ai quali rami sono appese le sue numerose vittime, e le cui foglie sono impregnate del sangue di questi schiavi.

Immagine correlata

La sprezzante filippica prosegue arditamente proprio in Blood On The Leaves. Avvalendoci di un altro parallelismo, possiamo constatare la somiglianza tra il quadro dipinto da Kanye e quello illustrato da Todd Philips nel suo Joker. In entrambi i casi, la società è un organismo malato che opprime e manipola le persone, rendendole false, egoiste e, nella peggiore delle ipotesi, violente. L’esempio qui discusso da Yeezy è quello delle Gold Diggers, le donne che sfruttano il proprio fascino per sedurre uomini ricchi al fine di aver un figlio con loro e farsi perciò mantenere dagli stessi.

 

To all my second string bitches, tryna get a baby
Trying to get a baby, now you talkin’ crazy
[…]
She Instagram herself like #BadBitchAlert
He Instagram his watch like #MadRichAlert

 

 

Il clima dell’opera comincia a variare a partire dal suo vero e proprio spartiacque: Hold My Liquor. Inizia dunque un’indagine più approfondita sui reali sentimenti dell’autore, nascosti dietro la sfacciataggine palesata nella prima parte dell’album. Justin Vernon e Chief Keef risaltano l’ormai ben nota bipolarità di Kanye, impersonificando l’ordine e il chaos (“Everybody know I’m a mothefucking monster”). La strofa di Ye è come un flusso di coscienza post sbronza (Bitch I’m back out my coma/Wakin up on you sofa), durante il quale riemergono alcuni dei suoi traumi passati, su tutti la relazione fallimentare con Alex Phifer.

Tutta la sofferenza di Kanye, mai realmente scomparsa, viene sfogata nella suggestiva Guilt Trip, originariamente destinata al joint album Watch The Throne. L’atmosfera esoterica e spaziale accompagna splendidamente la narrazione di West, perennemente alla ricerca di una donna che lo ami per davvero. L’intenso e disperato interludio di Kid Cudi sembra non lasciare spazio ad un lieto fine.

 

It’s gettin’ cold
Better bring your ski clothes, peeking through the keyhole
The door locked by myself and I’m feelin’ it right now
‘Cause it’s the time when my heart got shot down

 

Ed è proprio sul finale che Kanye ci stupisce di nuovo: Bound 2 è come la quiete dopo la tempesta. La fonte soul utilizzata si contrappone con veemenza alla cupezza delle precedenti nove tracce, ed è ideale per affrescare la conquista del vero amore. La seconda strofa, infatti, è quasi interamente dedicata a Kim Kardashian, ora moglie dell’artista di Chi-Town.

Così sì conclude l’album probabilmente più sperimentale e ambiguo della carriera di Kanye West. Un album destinato ad essere apprezzato sempre di più nel tempo.

Tag: , ,


Matteo Carena

Ho vent'anni, studio psicologia e vado matto per la corrente cyberpunk. Nel tempo libero arricchisco la mia cultura leggendo, andando al cinema e ascoltando più musica possibile. Ho anche una certa passione per il calcio e la pallacanestro, ma il Milan e gli Oklahoma City Thunder, per mia sfortuna, non sono esattamente al top ora come ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici