• Il 2020 del rap americano è una royal rumble

    Il 2020 del rap americano è una royal rumble

    Erano probabilmente un paio d’anni che la scena rap statunitense non ci regalava un periodo così straripante di uscite di spessore e qualità.

    Leggi tutto...

  • Intervista a Random: il suo primo ep tra Chiasso e Montagne Russe

    Intervista a Random: il suo primo ep tra Chiasso e Montagne Russe

    Emanuele Caso, in arte Random, ha solo 19 anni ma sembra avere già le idee chiare. Montagne Russe è il suo primo ep, uscito da pochissimo, e l’immagine adrenalinica suggerita dal titolo potrebbe rappresentare bene, per analogia, la sua storia con la musica. In Frasi fatte dice di essere solo uno come tanti, ma i numeri dicono tutt’altro: conta già un doppio disco di platino, milioni di stream su Spotify, e videoclip che in pochissimo tempo finiscono tra le prime tendenze di YouTube. Spopola grazie a social come TikTok, e con la recentissima partecipazione ad Amici Speciali consolida, ed amplia, i suoi ascoltatori. Fa parte di quei ragazzi giovanissimi che stanno raggiungendo, in musica, numeri incredibili – Tha Supreme, Anna, Madame, solo per citarne alcuni: la nuova generazione sembra avere una marcia in più, in fatto di originalità artistica e velocità, raggiungendo un pubblico molto vasto in tempi relativamente brevi.

    Leggi tutto...

  • Gemelli: svolta o passo indietro?

    Gemelli: svolta o passo indietro?

    Il doppio. Una figura mitica del tutto identica ad un’altra persona che, spesso, ne incarna il lato oscuro. Un tema ampiamente esplorato nella letteratura – come nel cinema – lungo l’intera storia dell’umanità. Pensiamo all’Anfitrione di Plauto, una delle più classiche commedie degli equivoci, o alla triste vicenda del narcisista Dorian Grey, per non parlare del confuso rapporto tra il protagonista senza nome e Tyler Durden in Fight Club.

    Leggi tutto...

  • La poetica del disagio: Disme racconta le terre dell’introspezione

    La poetica del disagio: Disme racconta le terre dell’introspezione

    Malessere e tormento interiore: Disme racconta la vita cruda che ha vissuto. La terra ligure viene raccontata da un punto di vista del tutto singolare. In collaborazione con Futura 1993 ecco l’intervista all’artista spezzino di casa Golpe che sta lasciando una nuova impronta nella musica rap.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Mecna, Sick Luke e L’Isola che non c’è: in viaggio verso Neverland

Mecna, Sick Luke e L’Isola che non c’è: in viaggio verso Neverland

Nel 2004 usciva nei cinema Neverland, film diretto da Marc Forster e premiato anche al Festival di Venezia, che vede un giovane Johnny Depp interpretare James Matthew Barrie, un autore teatrale scozzese. L’autore viene rimproverato dal suo produttore Charles Frohman, interpretato da Dustin Hoffman, per la piattezza e la poca originalità delle sue recenti opere.

Corrado Grilli, in arte Mecna, a differenza dell’autore scozzese non ha mostrato segni di debolezza o evidenza di un possibile blocco dello scrittore. Forse nemmeno dopo l’esperienza col collettivo Blue Nox. Anzi, nel corso degli anni di album ne sono usciti, di club ne sono stati riempiti, la fan base si è allargata. Disco Inverno, Laska, Lungomare Paranoia, Blue Karaoke: I quattro “figli” che hanno permesso al rapper foggiano di identificare e poi consolidare un proprio stile, un proprio mood, una propria posizione all’interno dell’industria musicale italiana.

Un vero artista dentro il cuor suo però sa che galleggiare dentro la propria comfort zone è quanto di più dannoso e controproducente ci sia verso l’arte stessa. Questo Corrado l’ha capito. Il saper reinventarsi, che non significa necessariamente cambiare, ma porre se stessi e la propria arte a disposizione di nuove chiavi interpretative, è la principale fonte di alimentazione e sostentamento dell’io lirico.

Riprendiamo brevemente le vicende di Johnny Depp nei panni dell’autore scozzese. Come riesce a sbloccare la sua vena artistica? L’incontro casuale con una donna – Sylvia Llewelyn Davies interpretata da Kate Winslet – con i suoi quattro figli al seguito cambierà per sempre la vita dell’autore. James si affeziona ai quattro bambini a tal punto che uno di loro in particolare, Peter, sarà la fonte d’ispirazione che l’autore cercava da anni. Il bambino sarà il protagonista della sceneggiatura teatrale più importante mai scritta da James, una rivisitazione della favola di Peter Pan alla ricerca dell’Isola che non c’è: Neverland. 

Torniamo in Italia. Ai giorni nostri.

Capita spesso, parlando con amici di rap o di musica in generale, di accostare nomi e fantasticare improbabili collaborazioni tra artisti completamente diversi: “Oh ma ti immagini Tizio che fa una strofa per Caio?”, “Oh ma pensa se X dovesse produrre Y” quasi come fosse un fantacalcio. Crei il tuo dream team, la squadra dei sogni, coi giocatori che più ti piacciono. Poco importa se diversi o apparentemente incompatibili tra loro.

Natale 2018. Un fulmine a ciel sereno.

Akureyri. Mecna Prod. Sick Luke. Non è una di quelle fantasie.

Prima di allora sembravano provenire da due mondi diversi, ma a parte lo stupore iniziale, questa collaborazione non era poi così inaspettata.

Mecna negli ultimi tempi, attraverso più canali, aveva già fatto presente di vedere di buon occhio qualche esponente della nuova scena rap italiana, mostrandosi disponibile anche a collaborazioni, come per il featuring con Ernia per il suo penultimo disco Come Uccidere Un Usignolo.

Non si scopre di certo ora nemmeno il già vasto background musicale di cui dispone Sick Luke, che permette al giovane producer di affacciarsi a diverse sfumature del genere in maniera versatile e poliedrica, il tutto con estrema naturalezza e senza forzature.

Il feedback del pubblico è subito più che positivo, e i due replicano il 5 giugno 2019 con l’uscita del secondo singolo Pazzo di te.

Due indizi non fanno una prova, ma che a questo punto tra i due sia nata una certa chimica è innegabile. Inizia a perpetrare nel pubblico l’idea di un intero album tra i due.

L’estate passa. Tutto tace. Al ritorno dalle ferie un post di Mecna spegne ogni riserva. Il nome dell’album?

Il disco conta 10 tracce. Ciò che salta subito all’occhio leggendo la tracklist sono gli ospiti presenti. Eccezion fatta per Coco, che non è nuovo a collaborazioni col rapper e nel pezzo si baciano tutti gli basta un ritornello per rendere l’atmosfera magica e coinvolgente, il resto dei featuring comprende sia artisti già affermati ma comunque alla prima collaborazione con Mecna come Luchè e Tedua, sia artisti emergenti come gli PSICOLOGI, Marïna, AINÉ e Voodoo Kid che non hanno sfigurato ma che anzi hanno contribuito alla buona riuscita dell’album.

In questo percorso culminato con l’uscita dell’album entrambi gli artisti ne escono sicuramente arricchiti. Mecna ha fatto lo step successivo, forse quello che mancava. Ha avuto il coraggio di buttarsi e rendersi disponibile ad una ricerca artistica con uno dei prospetti più importanti del rap nostrano, Sick Luke che dall’altra parte ha saputo rinfrescare e modernizzare lo stile di Corrado, senza snaturarlo, proiettandolo al nuovo pubblico.

Il punto di svolta per la carriera di James Barrie è stato sicuramente l’incontro col piccolo Peter, che ha ispirato l’autore permettendogli di scrivere l’opera della vita. Che l’incontro con Sick Luke non sia anche per Mecna un punto di svolta per la sua carriera? Sarà solo il tempo a dirlo. Possiamo solo sperare che a Neverland faccia tanto freddo, come piace a Corrado.

Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici