• Tha Supreme a XFactor: il peso dell’hype

    Tha Supreme a XFactor: il peso dell’hype

    Giovedì 5 Dicembre è andata in onda la semifinale della tredicesima edizione di XFactor Italia: tra gli ospiti della serata si è esibito (è questo il termine giusto?) anche Tha Supreme, portando sul palco del talent una performance di Blun7 a Swishland realizzata con l’ausilio di un ologramma, che paradossalmente è stata più apprezzata dagli spettatori più anziani del talent che non dal pubblico della scena rap italiana.

    Leggi tutto...

  • Juice WRLD è morto a 21 anni

    Juice WRLD è morto a 21 anni

    Una notizia che non avremmo mai voluto dare è purtroppo diventata realtà questo pomeriggio: Juice WRLD, a soli 21 anni, è morto.

    Leggi tutto...

  • WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    WWCD è il coronamento del viaggio della Griselda

    Il 29 novembre è uscito WWCD, il primo joint album della crew Griselda, composta da Westside Gunn, Conway the Machine e Benny the Butcher. L’acronimo del titolo significa “What Would ChineGun Do”, una barra che ritorna nelle tracce del disco come nella strofa di Westside in Scotties e nell’outro di May Store realizzato dalla storica collaboratrice Keisha Plum. Per i tre rapper di Buffalo si tratta del coronamento di un percorso che li ha portati in tre anni a firmare per la Shady Records di Eminem ed a collaborare con leggende della scena rap statunitense – da Ghostface Killah a Pusha T.

    Leggi tutto...

  • Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio: la ribalta a riflettori spenti di Asp126 e Ugo Borghetti

    Senza Ghiaccio è il primo disco dei due membri meno sotto i riflettori della Lovegang: Ugo Borghetti ed Asp126. Il concept, però, non si basa solo su birre ed amari sorseggiati nei bar di Trastevere, anzi, si presenta molto più profondo di quanto si possa pensare.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Rooftop: sul tetto della Francia con SCH

Rooftop: sul tetto della Francia con SCH

Tecnica. Energia. Introspezione. SCH torna sulla scena con il suo quarto album in studio, quinto in totale, uscito il 29 Novembre 2019. Rooftop si compone di 17 tracce, alle quali vanno aggiunte altre 3 per la versione fisica.

SCH rooftop

Dopo un’attesa infinita, incessante e stressante, SCH torna in campo dopo un anno dall’ultimo album, JVLIVS, con un progetto che sicuramente resterà in cima alle classifiche per parecchio tempo: guarderà gli altri artisti dall’alto, sul Rooftop.

Questo è un album che, a sorpresa, fa da intermezzo tra JVLIVS e il resto della trilogia che aveva annunciato col Tome II dell’omonimo album, senza deviare dal suo percorso artistico. Il timbro di SCH si vede impresso, marchiato a fuoco anche questa volta: tecnica da vendere, cattiveria, ma anche tanta introspezione.

Rooftop è una parentesi per dare spazio a questo sfogo personale di cui sentiva il bisogno. Mentre JVLIVS è più una storia trasmessa tramite il personaggio di Julius, Rooftop è prodotto a immagine e somiglianza di Julien Schwarzer: l’artista esteriorizza pensieri, metafore, punchlines e parecchia grinta. Un occhio (ed un orecchio) più esperto lo può notare dalla tracklist, che annovera hitmakers altrettanto profondi, sentimentali ed introspettivi: Ninho, Soolking e Gims.

 

Come ampiamente detto, Rooftop è molto personale. Racchiude ancora una volta i temi che hanno caratterizzato la sua gioventù e la sua crescita, tra vicende familiari e vita di quartiere a Marsiglia.

Il lato familiare, specie il legame con i genitori, è sempre più presente da JVLIVS in poi, in quanto postumo alla morte del padre. Questa figura ha avuto un ruolo fondamentale per SCH: con il papà ha avuto una convivenza complicata, complici i suoi problemi di alcolismo che lo hanno portato ad una lunga permanenza in ospedale, prima di spirare. Come egli stesso racconta in più interviste, è rimasto per molto tempo senza vederlo: in Comme si (Deo Favente), dice di non averlo incontrato da 6 anni, ma ha sempre avuto la pazienza e la forza di reggere l’impatto con l’avvenimento della sua morte.

Calzante per dimostrare quanto scritto sopra, è l’introduzione dell’album, Cervelle, dove dice:

Une paire de baskets neuve, j’ai rendu fou madre
Bien avant l’hosto, la maladie, la mort, j’ai plus r’vu mon padre

(Per un paio di sneaker nuove, ho reso pazza mia mamma; molto prima dell’ospedale, la malattia e la morte, non ho più rivisto mio padre)

Un altro motivo ricorrente di SCH è la perdita o la mancanza di sonno. Vediamo per esempio come in All eyez on me (titolo che riprende ed omaggia l’album omonimo di 2Pac), Julien dice:

J’te rends service avec le cœur, j’attends pas qu’tu viennes me remercier
J’ai perdu l’sommeil, qu’est-c’qu’on aurait pas fait pour l’respect

(Ti faccio un favore con il cuore, non aspetto che tu venga a ringraziarmi; ho perso il sonno, cosa non avremmo fatto per il rispetto)

Naturale è allora chiedersi se gli manca il sonno per il troppo lavoro, o se lavora perchè non ha sonno. SCH, nell’ultima intervista prima dell’album, racconta che è un mix tra le due cose: in certi momenti, avverte un bisogno fisiologico di lavorare e di fare musica. Ravvisa dentro di se un sentimento di eterno rookie, il quale fa sì che mentre all’inizio della sua carriera voleva solo ottenere riconoscimento dal pubblico, ha ormai imparato che bisogna anche lavorare e fare cassa con la musica: la sola riconoscenza, dice, non riempie il frigo.

Nel suo essere leggenda nel rap francese, è mosso ancora oggi da genuinità, come avesse appena iniziato, e vuole portare alle orecchie del suo pubblico musica di qualità, che possa anche aumentare i suoi ricavi, senza però essere la sua unica ambizione. Con queste dichiarazioni e con questo progetto intende anche dimostrare alle nuove leve della scena che si possa fare del denaro senza fare musica frivola, mancando di passione e mossi solo dalla voglia di denaro.

Dal punto di vista musicale, bisogna dire che il progetto si dimostra meno melodico e orecchiabile rispetto ai suoi 4 album precedenti. L’atmosfera generale è energica e molto razionale, carica ed elettrica. Prendendo ad esempio Cervelle: è un pezzo molto nervoso, andante ma razionale, con cambi di flow repentini. Al primo ascolto, si ha l’impressione di sentire Lacrim.

La scelta dei featuring è azzeccata, specie per quanto Gims, Soolking e Ninho. SCH ha scelto 6 featuring ben precisi, ognuno atto ad una funzione specifica e volti tutti al sentimento: Ninho ha dato prova ancora una volta di saper cimentarsi a scrivere strofe profonde, bissando il successo enorme di Pret à Partir (JVLIVS), e confermando quanto ha fatto con il suo album, Destin. Soolking invece ha portato il suo timbro musicale, il suo canto e la sua interiorità in every day, sorpassando nettamente il nostro artista tricolore: Capo Plaza. Dal suo canto l’artista di Salerno, si è incastrato alla bell’e meglio dentro il progetto, portando frasi fatte e una strofa che lo fa sembrare una macchietta di altri artisti. Ci lascia con l’amaro in bocca, in quanto avremmo voluto sentire una strofa di sostanza musicale e lirica, sulle orme di Sfera Ebbasta con Balenciaga e Cartine Cartier.

In ultima analisi, Rooftop è un progetto che si può paragonare a ZUU di Denzel Curry: è un album molto bello e tecnicamente ineccepibile, ma meno impegnato rispetto ai precedenti, come per esempio Deo Favente (e come Ta13oo). Tuttavia, consente sicuramente ad SCH di siedere rilassato in cima, guardando gli altri artisti dall’alto. Ma cosa potrà darci di più in futuro col Tome II? Riuscirà a integrare una musicalità maggiore con questa introspezione di Rooftop? O si accontenterà dell’ennesimo successo?

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici