• Jaden non è soltanto il figlio di Will Smith

    Jaden non è soltanto il figlio di Will Smith

    Non dev’essere facile costruirsi un’identità propria quando sei il figlio di uno dei personaggi più ricordati e amati della generazione cresciuta tra gli anni ’90 e 2000: un vero e proprio simbolo, un cult di quegli anni. Stiamo parlando di Will Smith, tra le altre cose attore e rapper, e del figlio Jaden, il suo secondo genito.

    Leggi tutto...

  • The Big Day: la gioia di Chance the Rapper non convince

    The Big Day: la gioia di Chance the Rapper non convince

    Lo scorso 26 Luglio Chance The Rapper ha rilasciato il suo album d’esordio The Big Day: un progetto tanto impegnato quanto carico di perplessità.

    Leggi tutto...

  • Genova porta il rap sulla Luna con il GoaBoa Festival

    Genova porta il rap sulla Luna con il GoaBoa Festival

    Il GoaBoa Festival di Genova è giunto quest’anno alla sua 22esima edizione e, come prevedibile, non ha assolutamente deluso le aspettative. Lanciato dallo slogan “GoaBoa sulla Luna“, per celebrare i 50 anni dell’allunaggio e organizzato dall’associazione Psyco, in collaborazione con il Comune di Genova e la Regione Liguria, il festival si è svolto tra il 5 e il 21 luglio, nella bellissima location dell’Arena del Mare, in pieno Porto Antico. Ospiti del festival sono stati artisti di tutti i generi, da Calcutta e Gazzelle, a Steve Hackett e Jethro Tull, passando per Fast Animals and Slow Kids e Carl Brave, fino ad arrivare a Salmo e Izi.

    Leggi tutto...

  • The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

    The Lost Boy segna la strada verso la redenzione di YBN Cordae

    Il 26 luglio YBN Cordae ha pubblicato The Lost Boy, il suo primo disco ufficiale, che segue il mixtape della sua crew Young Boss Niggaz del settembre scorso. Non si tratta del suo primo lavoro solista poiché, tra il 2014 e il 2017, il classe ’97 aveva già rilasciato tre mixtape sotto il nome di Entendre.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Torino nuova Toronto: ecco gli ODT

Torino nuova Toronto: ecco gli ODT

Uno degli effetti che si sono venuti a creare con lo scoppio della cosiddetta “new wave” nel 2016 è stato, tra le altre cose, quello di aver ridisegnato la geografia rap della nostra penisola. E se città come Milano o Roma hanno visto affermarsi ulteriormente il loro ruolo centrale come capisaldi di questa musica, ci sono alcune che hanno potuto godere di una fama prima quasi inesistente, basti pensare a Genova, e altre che hanno rinnovato e rafforzato la loro identità, come Napoli.

 Tuttavia questa sorta di rivoluzione geografica ha portato anche a vedere parzialmente escluse dalle luci della ribalta alcuni capoluoghi prima importanti. Tra questi sicuramente spicca Torino.

Non fraintendiamo, non è che a Torino non ci siano rapper o artisti validi, i più attenti tra i lettori saranno sicuramente pronti a citare grandi nomi come: Ensi, Willie Peyote, Shade o Fred De Palma. Tuttavia, al di fuori di Ensi, i restanti nomi trovano un po’ forzatamente la loro accostatura al mondo del rap torinese, vuoi per discostazione volontaria, vuoi per scelte stilistiche personali.

Il vero problema della scena nella città della Mole è forse la mancanza di un buon numero di rappresentanti giovani. Unica eccezione sotto questo aspetto è sicuramente Boro Boro che con i suoi mezzo milione di ascoltatori mensili su spotify si conferma essere un grande prospetto.

Tuttavia esiste un progetto torinese dal suono molto meno “colorato” di quello di Boro e più attinente al nomignolo di Black City. Stiamo parlando degli ODT.

Questo duo di ragazzi (composto da Janga e Eldo), originari del quartiere Mirafiori, escono per la prima volta su youtube nel 2017 con il singolo Palazzi Grigi, un pezzo dalla forte attinenza street che delinea già quello che sarà il loro immaginario. Un immaginario che parte dalle popolari di Mirafiori appunto, inserendole nei suoni e nell’immaginario tipicamente trap che dischi freschi di quel momento come XDVR avevano reso famoso. Il tutto, però, non è mai eccessivamente romanzato, i riferimenti a Torino sono continui e graditi per un ascoltatore legato alla città ma sopratutto per una scena che necessita di ritrovare dei rapper con una forte identità torinese, come fu per gruppi cittadini storici come i OneMic.

Il duo successivamente arrichisce il suo palmares con vari altri singoli, vantando anche una collaborazione con Mambolosco nel singolo Soldi e Vestiti di Marca e dal singolo Selvaggi4Real, e avvia una proficua collaborazione con Luscià presente in quasi tutti i singoli successivi. Ciò che si può notare, ascoltando i loro singoli in ordine cronologico, è un costante tentativo di evoluzione nelle scelte musicali e di melodia che vanno sia sicuramente a ricalcare quelle che sono le melodie forti in Italia e nell’oltralpe, sia a sperimentare nuove possibilità sonore.
Gli ODT stanno incrementando i propri ascolti su Spotify giorno dopo giorno, trainati dalla hit Racket e dall’ultimo singolo Big Drip, sempre in collaborazione con Luscià. Entrambe le tracce sono prodotte da Nardi della Sugo Gang, autore dei beat delle principali hit del già citato Mambolosco, Nashley ed Edo Fendy. Da qui parte, in via definitiva, la proiezione degli ODT verso una vetrina nazionale che già gli ultimi due singoli stanno ricevendo.

Torino nuova Toronto” dicono in un pezzo. Toronto, città periferica se pensiamo alla scena americana attuale, è messa in forte luce dalla presenza di una superstar come Drake. Ora ovviamente nessuno si aspetta che questi giovanissimi ragazzi, che per ora non hanno ancora un disco ufficiale all’attivo, diventino come Drake ma sicuramente quello che serve a una città che storicamente è stata così importante per l’hip-hop italiano è di essere rimessa sulla mappa grazie ad emergenti con sonorità più new wave che la valorizzino.

il logo degli ODT

Tag: , , , , , , , ,


Filippo Montanari

Filippo Montanari

Cinema, hip- hop, football americano e internet sono i quattro ingredienti principali della mia giornata. Amo il sano dibattito e sogno un internet in cui si possano avere discussioni che non necessitino subito un reportage sulle abitudini serali delle proprie madri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici