• Music To Be Murdered By: Eminem è davvero finito?

    Music To Be Murdered By: Eminem è davvero finito?

    Sono passate giusto un paio di settimane dall’inizio del nuovo decennio, ed è già arrivato il primo scossone dell’anno: Eminem ha rilasciato completamente a sorpresa Music To Be Murdered By, il suo undicesimo album. Il successo di Kamikaze, anch’esso droppato senz’alcun preavviso, ha fatto sì che il rapper di Detroit ripetesse la medesima mossa di mercato, che ancora una volta sembra dare i suoi frutti. Ma se non ci si sorprende dal punto di vista delle vendite, si può dire la stessa cosa dal lato qualitativo?

    Leggi tutto...

  • Il disco postumo di Mac Miller è destinato a diventare un classico

    Il disco postumo di Mac Miller è destinato a diventare un classico

    Quando il 7 settembre 2018 si diffuse la notizia della morte di Mac Miller – causata da un’overdose accidentale – il dolore per la scomparsa di questo artista non colpì solamente i fan del rap, ma coinvolse un pubblico decisamente più ampio, a testimonianza di come la sua musica riuscisse a toccare i fan dei più svariati generi, grazie ad uno stile elaborato che esplorava trasversalmente rap, funk, jazz e rock, proponendo un’importante componente strumentale, spesso curata personalmente dallo stesso Mac – rinomato pluristrumentista.

    Leggi tutto...

  • Il 2020 di Tredici Pietro inizia con “Vestiti D’Odio”

    Il 2020 di Tredici Pietro inizia con “Vestiti D’Odio”

    Il giovane Morandi sorprende ancora una volta, trovando una collaborazione che mette in luce le sue capacità vocali e l’abilità nella sperimentazione musicale, uscendo dai propri schemi con un pezzo romantico e sonoramente pop al punto giusto.

    Leggi tutto...

  • Discovery Album: Danger

    Discovery Album: Danger

    Il primo lustro degli anni Dieci, in fattispecie il periodo 2011-2014, ha visto l’ascesa e l’affermazione della Machete Crew, collettivo fondato da Salmo, En?gma, El Raton e DJ Slait.
    Il grande merito del gruppo è stato quello di attirare l’attenzione dei giovani per la musica rap in un momento di forte stallo all’interno della scena. L’aver mischiato le sonorità hip-hop a quelle della dubstep, proponendo una tipo di rap molto aggressivo, e trasposto il proprio materiale con dei video di ottima qualità e col tempo divenuti iconici, è stata la chiave del loro successo.
    Il 2013 è stato testimone di due progetti targati Machete piuttosto interessanti: Midnite e Danger. Nel Discovery Album di oggi ci occuperemo dell’album d’esordio di Nicola Alberi, in arte Nitro.

    Leggi tutto...

  • Home
  • Waiting Room: è il momento di porgere i fiori a Vaz Tè

Waiting Room: è il momento di porgere i fiori a Vaz Tè

Esiste una logica decisamente imprescindibile quando si parla del mercato odierno: per sopravvivere nel mondo della musica bisogna restare sempre sulla cresta dell’onda pubblicando il numero maggiore di singoli, featuring, album, possibili. Il rischio per un artista, rimanendo in silenzio, è che il pubblico si dimentichi di lui, rimpiazzandolo senza troppi problemi con il rapper del momento, reduce da un paio di hit da playlist e subito additato come la next big thing. Passano pochi mesi ed ecco che il ciclo si ripete.

Capita a volte, tuttavia, che qualcuno riesca a sfuggire alla macchina, inserendosi nelle pieghe del tempo e fluttuando al di sotto del mercato. Aspettando, attendendo qualcosa che dia lo slancio per tornare in superficie. Questo è esattamente quello che ha fatto Vaz Te, facendo crescere poco a poco l’hype intorno alla sua figura senza seguire alcuna tattica, senza retoriche volte a dilatare le tempistiche: l’attesa era il prezzo da pagare per studiarsi, per trovare la propria dimensione e sconfiggere gli spettri.

I fan di lunga data di Vaz Te avranno creduto a stento ai loro occhi quando lunedì scorso Alessandro ha pubblicato sul proprio profilo instagram l’annuncio che attendevano da tempo: la data di uscita di un progetto discografico. Non l’attesissimo VT2M – su quello ancora nessuna notizia – ma un EP: Waiting Room, la sala d’attesa. Concepito come un antipasto per l’album di debutto vero e proprio, l’EP ha comunque una rilevanza non indifferente nel percorso artistico di Vaz Te: si tratta infatti del suo primo progetto dal 2014, quando pubblicò a quattro mani con Tedua un altro piccolo gioiello per i fan del rap made in Genova, l’EP Medaglia D’oro.

Al progetto seguì nel 2016 l’annuncio del mixtape VTM, la prova del 9 per la consacrazione del profeta di Palmaro. Il resto, purtroppo, è storia: rimandi, riscritture, cancellamenti, singoli sparsi. Ma del disco nessuna traccia.

La paura di molti, specialmente di chi ha intravisto una scintilla speciale in Vaz Tè, è sempre stata quella di non veder mai realizzarsi appieno il talento dell’autoproclamato Drill King. Proprio come quei calciatori il cui unico ostacolo verso il successo risiede nella propria testa, Alessandro emanava un’aura di innata indolenza: palleggi, sprazzi di skills e una volta ogni tanto dei roboanti gol che mostravano in totale dispiegamento le sue qualità. Ma si trattava solo qualche attimo, prima di tornare in silenzio – volontariamente – in panchina. Ma dagli spalti i più attenti si erano già accorti di avere davanti un papabile candidato alla corona.

Vaz Te ha sempre voluto tenersi a suo discapito fuori dagli schemi, avvertendo con il passare degli anni una pressione sempre maggiore provenire dall’esterno: gli insaziabili fan e il peso dell’attesa, unito alle difficoltà di trovare la giusta dimensione musicale. La silenziosa cancellazione di VTM, concettualmente abortito dopo solo tre pezzi nel periodo in cui il nome del suo autore iniziava ad espandersi al di fuori della propria regione, è sintomatico di un’anima largamente insoddisfatta del proprio lavoro, fino a che esso non raggiunge un grado di perfezione che nemmeno l’autore stesso non riesce a individuare: l’unica certezza è che non è ancora il momento. Ma si fa largo la consapevolezza di avere ormai delle promesse da mantenere.

Ed ecco quindi che Waiting Room giunge alla fine di un periodo positivo per il rapper ligure che regala ai fan, prima ancora di un disco, la certezza di provare a non perdersi più. Ritrovata la continuità garantita anche da un adeguato supporto a livello discografico, il progetto si inserisce nell’ottica di confermare la capacità di Vaz Te di rendere su un progetto più ampio rispetto alla disordinata pubblicazione di singoli slegati tra di loro. L’Ep conferma l’estro lirico di Alessandro Dos Santos, la cui poetica si inserisce con continuità rispetto a quanto anticipato in questi anni senza snaturarsi: il lungo periodo di tempo non assopisce la sua verve, anzi ne rinforza gli stilemi.

Sul tappeto sonoro curato da Don Joe, Garelli, Sick Luke e il sorprendente rookie DaGlocc, Vaz Tè porta l’ascoltatore sul tetto del palazzo più alto di Palmaro e gli mostra un panorama dalle tinte agrodolci. Nelle sei tracce che compongono il progetto il rapper esplora un discreto novero di mood e ambienti: dalla tonante opening Benvenuto – programmatico manifesto del suo approdo 2.0 nella scena – passando per i malinconici toni di Stazione Centrale (con Guesan & IllRave) e Pesche e Vino (accompagnato da Gianni Bismark e Bresh), fino alla conclusiva Outro (Drillgod), probabilmente il brano più sorprendente dell’intero progetto.

Dopo essere stato accompagnato nel viaggio da alcuni rappresentanti della famiglia Drilliguria, Vaz Te si appresta ad avviarsi all’uscita della sala d’attesa tra note quanto mai introspettive: Outro è un brano epistolare, una lettera ai fan e a se stesso in cui – tra le righe – traspare una sensazione così tangibile da attanagliare chiunque sia all’ascolto: la consapevolezza di essere sfuggito, forse, alla tempesta.

La paura, sia essa quella di lasciare perdere tutto di nuovo o di dover “farsi venire rime buone per i prossimi cent’anni” è motore propulsore e condanna allo stesso tempo, fantasma con cui l’artista convive e che rischia di soffocarne la carriera. Ma si aggiunge qualcosa, arrivati a questo punto del viaggio: la forza maieutica della propria musica permette al rapper di giungere alla conclusione che, con tutta probabilità, la strada intrapresa è quella giusta. Loro già lo sanno, sono stati gli altri a farlo santo: accettando l’investitura del popolo, Vaz Te compie lo step necessario per restare a pieno titolo nel gioco, senza tergiversare. Adesso puó tentare di porre il proprio nome in pianta stabile ai massimi piani del genere, senza comunque dimenticare la missione di tanto tempo fa, ossia onorare e difendere il villaggio.

Waiting Room è un progetto che lascia largamente soddisfatti sia i fan di lunga data del Drill King sia chi ne ha solo letto il nome in qualche featuring e si approccia per la prima volta ad un suo lavoro. Questo grazie a un Vaz in grande spolvero per la sua prima, un novero di collaboratori intenzionati a impreziosire un progetto fondamentale nella continuity musicale dell’anfitrione e un tappeto sonoro in perfetta sinergia con le armi liriche di Alessandro. Tuttavia il suo valore reale si dispiega appieno principalmente a chi ha sperimentato l’attesa e il timore del silenzio, per poi venire ampiamente ripagato della fiducia: Vaz Tè ora indossa con coscienza la maglia numero 10, scaldando il pubblico a sufficienza per tenerlo con il fiato sospeso in attesa della prossima giocata, quella definitiva.

La sala d’attesa è stata agghindata a dovere, rendendo il soggiorno più che adeguato alle aspettative: ora la porta principale può finalmente essere aperta. Non si conoscono ancora tempi e modi, ma accadrá: e questo, per ora, è ciò che più conta.

Tag: , , , , ,


Nicola Los Simonutti

Nicola Los Simonutti

Born and Raised nelle periferie della Brianza. Da anni mi cibo di musica Rap e pallacanestro, con una passione smodata per la Dogo Gang e i Boston Celtics. Durante il giorno frequento l' Università di Scienze della Comunicazione a Bergamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici