• Home
Farmacia EP

Farmacia EP è il titolo del nuovo progetto di Franchetti & Grabe, disponibile da qualche giorno su Spotify e sul canale YouTube dei due artisti. 

A qualche anno di distanza dal progetto Kahiro, Franchetti e Grabe, che aveva portato alla nascita dell’album Posidonia – uscito per Glory Hole Records -, e dopo l’abbandono al mondo della musica da parte di Kahiro, Franchetti e Grabe si sono ritrovati a livello musicale, e sono tornati con un progetto completamente inedito. 

Farmacia EP è infatti lontanissimo da ciò a cui i due giovani artisti ci avevano abituato: sia in termine di liriche, per quanto riguarda il lavoro di Franchetti, sia a livello di suono – nel curriculum di Grabe figurano diverse produzioni su Soul of a Supertramp di Mezzosangue -, tutto è diametralmente opposto ai loro standard. L’EP è infatti fortemente ispirato dal Soundcloud rap di matrice statunitense: sporco, distorto, a tratti quasi sbagliato, ma dall’incredibile forza espressiva, più distruttiva che costruttiva. 

In 8 minuti e 24 secondi, le 5 tracce che compongono il progetto si rivelano un concentrato di disagio, ansia e inadeguatezza sociale, sfogate e urlate nella maniera più estrema possibile, curandosi poco della forma. Il messaggio è quindi grezzo, spigoloso, inciso su sonorità fragorose, a tratti disorientanti, dai bassi profondi e distorti, dalle linee melodiche essenziali.  

Le influenze musicali che si percepiscono sono diverse: dai nomi noti del soundcloud americano come Lil Peep o XXXTentacion, ad artisti estremi e controversi quali GG Allin, i gruppi punk, ma anche gli scream o il growl del metal. I due artisti ci tengono a precisare, inoltre, che molto dell’approccio a Farmacia EP arrivi dagli CCCPesponenti di spicco del punk italiano, nonché originari di Reggio Emilia – proprio come Franchetti e Grabe. 

Vengo dunque sono è il titolo del nuovo singolo di Paolito, fuori in streaming su Spotify e su tutti i digital store per Substrato Music. 

A distanza di qualche settimana da Passione, il rapper e producer torinese Paolito torna con un nuovo singolo, questa volta legato al passato. Vengo dunque sono è infatti un tributo all’insieme di persone, palchi, dischi e situazioni che Paolito ha incontrato lungo il suo percorso di vita, che interagendo con lui gli hanno permesso – nel bene e nel male – di diventare la persona che è oggi. Su una strumentale dal sapore classico firmata da Tyrelli, intensa e d’impatto, Paolito incastra barre e ricordi, mai nostalgico, quanto più grato per aver potuto vivere le esperienze che racconta; da dischi storici come Foto di gruppo ai palchi calcati come Duplici, gli omaggi sono davvero tanti. 

Il ritornello, con cuts che ripropongono versi storici di alcuni dei più grandi nomi del rap italiano, è curato da Dj Lil Cut aka Taglierino, collega e amico di lunga data di Paolito 

Barrio's Fest

Sabato 4 maggio, presso il Piazzale Donne Partigiane di Barona, a Milano, il Barrio’s Fest presenta il Ya Know The Name vs Skynight, una freestyle battle accompagnata dal live di tre capisaldi della scena underground italiana. 

Nello storico scenario di Barona, quartiere iconico per quanto riguarda il rap milanese – e non solo -, freestyler provenienti da tutt’Italia tornano a sfidarsi per la possibilità di portare a casa il montepremi, che consiste in denaro e nella possibilità di partecipare ad una puntata del popolare format Freestyle Reaction. 

In giuria, un trittico che in seguito animerà la serata con 3 show travolgenti e d’impatto: HystKiave ed Esa. I tre rapper, colonne portanti dell’underground, avranno quindi l’arduo compito di selezionare il miglior freestyler, per poi calcare a loro volta il palco. In console ci sarà Schild, mentre gli host saranno Trauma Tiaz Rocker. 

Tutte le ulteriori informazioni sul Barrio’s Fest – orari, modalità d’iscrizione e indicazioni per raggiungere la location – sono disponibili sull’evento Facebook della serata. 

Barrio's Fest

Singolo cinese è il nuovo singolo di Hyst, disponibile in streaming su Spotify e su tutti i digital store. 

Il nuovo brano di Hyst nasce, in origine, come parte di un EP, in lavorazione da diversi mesi. L’uscita anticipata è dovuta ad un’ imprecisione nella comunicazione del collega Mike Lennon. Il giovane artista in diverse interviste recenti si è definito “il primo rapper asiatico in Italia”. La clamorosa inesattezza ha quindi visto Hyst e Lennon confrontarsi a più riprese, sebbene con toni civili e meno burrascosi dei tipici dissing del rap. Singolo cinese rappresenta un divertissment attorno al concetto di “cinesità”, che gioca con gli stereotipi, ma nello stile tipico della musica di Hyst; nascondendo cioè più di uno spunto di riflessione, legato al concetto di “cinesità” come sinonimo di falso, ma anche di indispensabile. Una parodia in grado di far sorridere e allo stesso tempo pensare, tra giochi di parole inaspettati e un fine umorismo. 

Così Hyst mette il punto sulla questione, precisando che “il primato dell’etnia non ha significato, ho sempre fatto musica con la volontà che fosse considerata a prescindere dalla mia razza”.

Seguici